fbpx
 In Hot Topic, Notizie curiose, Sessi

I maschi sono 861, le donne 56. Per l’Economia c’è stata una sola vincitrice

elett

La pandemia non ferma la scienza e non si interrompono neanche le premiazioni della più prestigiosa onorificenza mondiale, iniziate lo scorso lunedì e che andranno avanti fino al 12 ottobre 2020. Anzi, il 2020 sembra un anno di cambiamenti anche per i premi Nobel. Il primo cambiamento riguarda i numerosi eventi e cerimonie che abitualmente facevano da contorno alla nomina: quest’anno le premiazioni si svolgeranno con una cerimonia digitale e una distribuzione dei premi a cura delle varie ambasciate sparse nei paesi natale dei vincitori.  Il secondo cambiamento è il valore monetario. Quest’anno sarà pari a 10 milioni di corone svedesi, 1 milione in più rispetto all’anno precedente, per un aumento di circa 112 mila dollari.

L’ultimo assegnato è quello la pace ed è stato assegnato al World Food Programme. L’agenzia dell’Onu per la solidarietà internazionale nella lotta contro la fame è stata premiata “per i suoi sforzi nel combattere la fame, per il suo contributo nel migliorare le condizioni per la pace nelle aree colpite da conflitti e per aver agito come una forza trainante negli sforzi per prevenire l’uso della fame come un’arma nella guerra e nel conflitto”.

La storia delle donne al premio Nobel

Ma c’è una terza novità, forse ancora più importante, quest’anno vincono le donne. Fateci caso: si parla sempre di vincitori del premio Nobel, mai di “vincitrici del premio Nobel”. Beh, il motivo c’è: la storia del premio Nobel insegna che nella stragrande maggioranza dei casi i premiati sono uomini, rarissimi i casi in cui a vincere sia stata una donna. Complessivamente, come mostra il grafico sopra, i vincitori del premio Nobel sono stati 856 (1901-2019) mentre le donne appena 52. Gli uomini hanno vinto 21,7 volte più delle donne i premi Nobel. Non solo: a vedere bene le donne sono state riconosciute meritevoli del premio più prestigioso del mondo soprattutto in campi non tecnici, come la chimica o l’economia, ma in settori come la pace e la letteratura. In economia, per esempio, c’è stata una sola donna a vincere. Si tratta di Elinor Ostrom, vincitrice, insieme a Oliver Williamson, nel 2009 per i suoi studi sulla governance delle organizzazioni complesse, soprattutto pubbliche. Ma quest’anno il trend è cambiato.

Le vincitrici del premio Nobel: 2 donne per la chimica

Nel 2020 il Nobel per la Chimica è stato assegnato a Emmanuelle Charpentier e Jennifer A. Doudna: le due ricercatrici che hanno messo a punto la tecnica Crisprr, che permette di tagliare-incollare il Dna, riscrivendo così il codice della vita. E’ la prima volta nella storia che il premio dedicato alla scienza è diviso da due donne. Nella Fisica, prima di quest’anno, le donne vincitrici del Nobel sono state solo tre: Marie Curie, Maria Goeppert-Mayer e Donna Strickland. La prima venne premiata (insieme con il marito Pierre Curie e Antoine Henri Becquerel) per i suoi studi sulle radiazioni, nel 1903, la seconda (insieme a J. Hans D. Jensen) nel 1963 per le sue ricerche in campo nucleare. La Curie ottenne un secondo premio Nobel, nel 1911, questa volta in chimica. Strickland vinse invece nel 2018 a 55 anni di distanza da Goeppert-Mayer per le sue “invenzioni rivoluzionarie nella fisica dei laser”.

Chi sono gli altri premiati di quest’anno?

Gli altri vincitori di quest’anno per il momento sono per la Medicina e Fisiologia Dr. Harvey J. Alter, Michael Houghton e Charles M. Rice, grazie alla scoperta del virus dell’epatite C, per la Fisica Roger Penrose, Reinhard Genzel e Andrea Ghez, quest’ultima docente californiana premiata insieme ai colleghi per aver scoperto che il centro della nostra galassia è occupato da un oggetto invisibile e massiccio, probabilmente un grande buco nero.

Infine, anche per quanto riguarda la Letteratura, quest’anno il premio è andato ad una donna. Stiamo parlando di Louise Glück, poetessa americana premiata per la sua inconfondibile voce poetica e già vincitrice del premio Pulitzer nel 1993 per la poesia con la raccolta L’iris selvatico. Più numerosa la pattuglia di donne che nella storia hanno vinto il premio Nobel per la Letteratura: Selma Lagerlöf, Grazia Deledda, Sigrid Undset, Pearl Sydenstricker Buck, Nelly Sachs, Nadine Gordimer, Wisława Szymborska, Elfriede Jelinek, Doris Lessing, Herta Müller, Alice Munro e Svjatlana Aleksievič nel 2015.

Tutti i Nobel all’Italia

L’Italia per quanto riguarda le quote rosa oltre a annoverare Grazia Deledda bisogna ricordare Rita Levi Montalcini, vincitrice del Premio Nobel per la Medicina nel 1986. In generale sono 20 in tutto gli italiani che hanno vinto un premio Nobel. Nella medicina hanno ricevuto il premio Camillo Golgi (1906), Daniel Bovet (1957), Salvatore Luria (1969), Renato Dulbecco (1975), Rita Levi-Montalcini (1986) e Mario Capecchi (2007). Nella letteratura, invece, sono stati: Giosuè Carducci (1906), Grazia Deledda (1926), Luigi Pirandello (1934), Salvatore Quasimodo (1959), Eugenio Montale (1975) e Dario Fo (1997). Per la fisica, invece, sono stati: Guglielmo Marconi (1909), Enrico Fermi (1938), Emilio Segrè (1959), Carlo Rubbia (1984), Riccardo Giacconi (2002). Il solo italiano ad aver vinto il Nobel per la pace è stato Ernesto Teodoro Moneta (1907). Un solo vincitore anche per l’economia: Franco Modigliani, nel 1985. Anche nella chimica c’è stato un solo italiano: Giulio Natta, vincitore nel 1963.

 

 

I dati si riferiscono al: 1901-2020

Fonte: Nobel Prize

Leggi anche: Quante donne ci sono nelle forze armate

 

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search