In Hot Topic

Aumenti in busta paga partiti a gennaio. La differenza tra pompiere e veterano è minima

Dal primo gennaio 2018 i Vigili del fuoco italiani hanno avuto una bella sorpresa in busta paga. Con l’ingresso nel nuovo anno sono scattati aumenti per tutte le categorie del corpo: certo, i salari sono aumentati di poco e i pompieri non sono ricoperti d’oro dallo Stato, ma qualche risorsa in più è stata destinata agli oltre 30mila uomini in rosso, così da avvicinare i loro guadagni a quelli della Polizia di Stato (qui l’articolo di Truenumbers) e Polizia locale (qui l’approfondimento sugli stipendi dei vigili urbani). Chi entra nel corpo come minimo può contare su uno stipendio annuo lordo da 19.070,65 euro. 

Lo stipendio dei vigili del fuoco

La composizione del corpo dei vigili del fuoco è molto complessa e comprende tantissime figure diverse, che spaziano dai veri e propri domatori di fiamme ai sommozzatori che scandagliano i fondali italiani. Sono molti anche gli step di carriera. Da vigile del fuoco semplice, con un po’ di lavoro e tanta pazienza si possono scalare le vette e puntare alla qualifica di Capo reparto esperto con scatto oppure di Sostituto direttore antincendi capo denominato «esperto».  Si possono anche conquistare i galloni da Sostituto tecnico-informatico capo.

Carriera nei vigili del fuoco

Ogni singolo gradino della piramide prevede, ovviamente, uno stipendio lordo annuo diverso, anche se le differenze sono spesso racchiuse in poche decine di euro. Per chiarezza, il grafico in apertura limita l’analisi delle buste paga alle categorie più popolari dell’intero corpo e mostra quanto guadagnano i 20.066 Vigili del fuoco, i veri e propri pompieri, e i Capi squadra-Capi reparto, altri 11.106 lavoratori attualmente in dotazione organica.

Sebbene tra il Vigile del fuoco semplice e il coordinatore ci siano quattro scatti di carriera e tanti anni di servizio, la differenza di stipendio dei vigili del fuoco è di poco più di mille euro all’anno. Un primo ingresso guadagna 19mila euro, 1.466 al mese diviso per 13 mensilità; lo stipendio di un coordinatore è di 20.281,55: 1.560 ogni trenta giorni.

Quanto guadagnano i vigili del fuoco

Per capi squadra-capi reparto la torta è più ricca, ma mica tanto: un capo-squadra guadagna 20.655,08 euro lordi l’anno, un capo reparto con scatto appena 21.674,50, ovvero poco più di 1.600 euro lordi al mese, per 13 mensilità.


Tra le tante professionalità del corpo alcune guadagnano ovviamente di più. Ad esempio un Sostituto direttore antincendi capo denominato «esperto» guadagna 26.456,06 euro; proprio quanto un Sommozzatore ispettore e un Pilota aeromobile ispettore. Si sale sempre di più se si considera lo stipendio dei vigili del fuoco che sono dirigenti: possono arrivare a mettere insieme anche 95mila euro.

I dati si riferiscono al 2018

Fonte: Senato

Leggi anche: Bankitalia e magistrati: gli stipendi dei privilegiati
Gli stipendi della polizia locale: ecco i nuovi aumenti
Lo stipendio di un poliziotto: meno di 1.500 euro al mese
I pensionati mantengono il 69% dello stipendio

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca