fbpx
 In Hot Topic

La calcola l’Eurostat: Malta è la prima (73,4 anni), all’ultimo posto c’è la Lettonia (53,7 anni)

Gli italiani sono secondi in Europa, subito dopo la Spagna, per aspettativa di vita con 83,1 anni di media. Gli italiani, però, scendono di qualche posizione in classifica in una graduatoria simile, ma diversa (e sicuramente meno nota in Italia): l’aspettativa di vita in buona salute.

Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, ci dice infatti che nel 2018 la speranza di vita in buona salute viene stimata in 64,2 anni per le donne e 63,7 anni per gli uomini. Come si vede nel grafico in alto, tra gli Stati membri dell’Unione europea Malta registra il numero più alto di anni di vita in buona salute nel 2018 per le donne (73,4 anni), seguita da Svezia (72 anni) e Irlanda (70,4 anni). L’Italia è al 7° posto con una media di 66,8 anni.

Leggi anche: Quanti sono i posti letto in terapia intensiva regione per regione?

Che cos’è l’aspettativa di vita in buona salute

Ma che cosa si intende per aspettativa di vita in buona salute? Eurostat ha reso uniformi i parametri per poter rendere omogenei i dati raccolti dagli uffici di statistica dei vari Paesi. In generale, si intende l’aspettativa di vita senza disabilità. Il calcolo viene fatto secondo il metodo Sullivan in base alla prevalenza (la proporzione della presenza di un determinato “evento” sul totale) di condizioni di disabilità nella popolazione di ogni singolo Stato. Tuttavia – come precisa Eurostat – ci possono essere differenze culturali nel definire i vari livelli di disabilità.

La differenza tra uomini e donne

Il numero di anni di vita in buona salute alla nascita è stato più elevato per le donne che per gli uomini in 19 degli Stati membri dell’Ue, con una differenza tra i sessi generalmente relativamente piccola. E’ il caso dell’Italia: l’aspettativa è 66,9 anni per le donne e 66,8 per gli uomini. In 5 Stati membri dell’Unione europea il divario è stato di oltre 2 anni: Polonia (+3,8 anni), Bulgaria (+3,6 anni), Lituania (+2,8 anni), Lettonia (+2,7 anni) ed Estonia (+2,3 anni). All’estremità opposta della scala, in sette Stati membri dell’UE il numero di anni di vita in buona salute per le donne era inferiore rispetto agli uomini. Le maggiori differenze sono state osservate nei Paesi Bassi (-3,9 anni), Danimarca (-3,4 anni) e Finlandia (-3,1 anni).

Fonte: Eurostat 

I dati si riferiscono al: 2018 

Leggi anche: I Paesi Bassi valgono il 5,83% del Pil europeo 

 

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search