fbpx
 In Hot Topic, Sport

La Juve ha vinto 36 scudetti, Inter e Milan 18. Lontani i tempi del Genoa

La serie A italiana in 30 secondi. Abbiamo realizzato un’infografica, una bar chart race, per mostrare, in modo sintetico, l’albo d’oro della serie A in modo dinamico. La barra di ogni singola squadra rappresenta il numero di campionati vinti fino ad un certo anno. Il dominio della Juventus degli ultimi decenni è palese, ma questa infografica potrà servire anche a ricordarsi epoche ormai lontanissime, in cui a giocarsi lo scudetto erano il Genoa o la Pro Vercelli. Insomma, un tuffo nel passato del calcio italiano e un modo per avere un’idea precisa di quelli che, nel corso dei decenni, sono stati i rapporti di forza nel calcio italiano.

Quanti scudetti hanno vinto Juventus, Inter e Milan?

L’albo d’oro del campionato italiano di calcio include 118 campionati italiani della massima serie: 36 titoli sono stati vinti dalla Juventus, 18 dall’Inter e Milan. La Juve ha vinto gli ultimi 9 scudetti: è il record di campionati vinti consecutivamente nella storia del calcio italiano. Ma non si può fare a meno di citare gli scudetti più controversi: il titolo 2004-2005 della Juventus viene revocato (non è stato assegnato a nessuno) come conseguenza dello scandalo Calciopoli, mentre il campionato 2005-2006 viene tolto alla Juventus e assegnato all’Inter per lo stesso motivo. Andando molto indietro nel tempo troviamo un altro scudetto molto controverso: quello del 1927. E’ stato revocato al Torino per un caso di combine, ricordato come il caso Allemandi.

I numeri del calcio italiano

Il titolo de iure di campione d’Italia Figc viene dato per la prima volta nel 1898, quando il primo campionato si decide con un torneo quadrangolare organizzato dalla Federazione Italiana del Football e svoltosi l’8 maggio a Torino tra Genoa, Internazionale Torino, Torinese e Ginnastica Torino.

Ma si possono ricordare altre curiosità. La fase finale a eliminazione diretta viene adottata fino alla stagione 1909-1910 con un girone unico di nove squadre. Nel 1911 e nel 1912 si tiene una fase finale nazionale che vedeva contrapposte l’Italia nord-occidentale contro quella nord-orientale, mentre dal 1913 al 1926 (con le eccezioni dell’incompiuto torneo del 1915 e della Prima Categoria 1921-1922) il titolo di campione è assegnato con una finalissima fra Italia settentrionale e centro-meridionale: i due appuntamenti hanno spesso un valore protocollare, data la superiorità delle squadre del Nord-ovest.

Come nascono lo scudetto, la serie A e i 3 punti

Il primo campionato a essere disputato senza suddivisioni territoriali è Divisione Nazionale 1926-1927, dopodiché nel campionato 1929-1930 viene istituita la Serie A a girone unico, rimasta da allora stabilmente in vigore con l’eccezione della stagione 1945-1946.

A partire dal 1924 viene utilizzato lo scudetto (un distintivo tricolore a forma di scudo), apposto sulla maglia della squadra vincitrice del precedente campionato al fine di onorarne la vittoria, mentre dal 1958 viene concessa la possibilità ai club di fregiarsi permanentemente di una stella celebrativa sulla propria divisa di gioco ogni dieci titoli italiani conquistati. Il sistema di assegnazione del punteggio prevede 3 punti per la vittoria a partire dal 1994-95, mentre in precedenza erano 2, un punto a testa in caso di pareggio e nessun punto per la sconfitta.

Fonte: Figc

I dati si riferiscono al periodo: 1898-2020

Leggi anche: Quanto valgono le rose e i calciatori della Serie A italiana

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search