fbpx
 In Senza categoria

I più ricchi del mondo visti da vicino: 20 anni di capitalismo in 60 secondi

elett

Sono patrimoni così grandi che diventano difficili da immaginare. Ma noi abbiamo fatto i conti in tasca a personaggi come Jeff Bezos ed Elon Musk mettendo in relazione la ricchezza di questi paperoni con quella dei ricchissimi di 20 anni fa e con quella di un italiano medio. Ma andiamo con ordine. Qui sopra trovate una line chart race (è il nome di questa infografica dinamica) con la classifica dei più ricchi del mondo negli ultimi 20 anni (i dati sono espressi in miliardi di dollari). Passando con il cursore sulle foto dei protagonisti si evidenziano i singoli miliardari e il relativo patrimonio in un dato anno.

Abbiamo preso le stime della rivista Forbes, che stila la classifica degli uomini più ricchi del mondo. Ovviamente, da questo elenco vengono esclusi dittatori e criminali per l’impossibilità di calcolarne il patrimonio. Parlando subito di numeri, giusto per dare un’idea… basti sapere che a fine 2019 il numero di miliardari nel mondo era pari a 2.153 individui ma, secondo un rapporto del 2017 di Oxfam, i primi otto possedevano una ricchezza totale pari alla metà più povera dell’intera popolazione mondiale. Prima di vedere, però, chi sono i protagonisti della classifica proviamo a quantificare la ricchezza di Jeff Bezos, che ha da poco raggiunto un patrimonio intorno ai 200 miliardi.

Quanto vale un caffè per Jeff Bezos?

Nell’infografica qui sopra abbiamo cercato di capire quanto vale davvero la ricchezza di mister Amazon, l’uomo più ricco del mondo, e del patron di Tesla Elon Musk che ha un patrimonio personale pari a circa la metà rispetto al numero 1 in classifica. Ci siamo divertiti a fare un po’ di calcoli. Ad esempio, abbiamo scoperto che servono 7.552.896 anni per un italiano con un reddito medio (21.660 euro l’anno) per arrivare ad accumulare il patrimonio di Bezos. Sì, avete capito bene: oltre 7 milioni di anni. Se vi serve un termine di paragone, si deve sapere che l’Homo Sapiens si stima sia comparso circa 200mila anni fa.

Abbiamo fatto anche un altro calcolo: qual è il corrispettivo di un caffè per Jeff Bezos. Il patrimonio medio di un italiano è di 160mila euro e un caffè vale in media 1 euro. Nel caso di Bezos se dividiamo il suo patrimonio in euro per 160mila abbiamo circa un milione di euro. La cifra che potrebbe servire per comprare uno yacth. Per Elon Musk, che un patrimonio pari alla metà di quello di Bezos, un caffè vale 550mila euro.

Il sogno americano e la famiglia Walton

Ma facciamo un passo indietro. Si sa, il sogno americano per molti è diventato realtà. La terra della corsa all’oro, infatti, è la patria di numerosi miliardari tanto che nel 2002, ad esempio, gli unici non americani che compaiono sono Karl e Theo Albrecht, i due fratelli tedeschi fondatori della catena di discount Aldi. Curioso notare che nel 2006 gli americani nella top ten erano appena quattro.

Bill Gates rimane sempre in testa, con Buffett

È Bill Gates, il fondatore di Microsoft, a rimanere in testa alla classifica più a lungo di tutti: in venti anni non è mai scomparso dalla lista dei primi dieci. Come lui solo Warren Buffett, l’investitore americano presidente e amministratore delegato della Berkshire Hathaway. Eppure, il signor Gates non è stato sempre in cima alla classifica: l’indiano Anil Ambani – insieme ad altri compatrioti come Mittal – e il messicano Carlos Slim salgono in cima alla classifica nel 2008, anno del crollo di Wall Street, e vi restano fino al 2013. A testimonianza che anche i miliardari sentono la crisi, bisogna dire che in quell’anno i ricchissimi sono diminuiti del 30% e hanno perso 2.000 miliardi di dollari. Un altro magnate che troviamo per anni nelle prime posizioni della classifica è Amancio Ortega, fondatore della catena di moda Zara che ha reso l’impresa uno dei modelli di business più studiati al mondo.

I più ricchi del mondo sono tech

Fino al 2015 Bill Gates era l’unico miliardario che operava nel mondo della tecnologia, accompagnato solamente  da Larry Ellison, cofondatore di Oracle, in questi giorni al centro del dibattito per il controllo di TikTok. Ma dal 2016 entrano in classifica Mark Zuckerberg, patron di Facebook, e Jeff Bezos che hanno superato in poco tempo lo stesso Ellison. Dal 2019, invece, le aziende tech conquistano la quasi totalità delle prime posizioni. Larry Page e Sergey Brin di Alphabet, Steve Ballmer di Microsoft, Elon Musk di Tesla.

Italia e Usa a confronto nel 2020

Il 2020 sarà un anno difficile per molte imprese, ma non per quelle tecnologiche. Jeff Bezos, ad oggi, ha raggiunto i 194 miliardi di dollari, distaccando Bill Gates, secondo in classifica che nel 2012 vantava 61 miliardi come patrimonio totale. Insomma, i ricchi stanno diventano sempre più ricchi e l’innovazione un fattore sempre più strategico per diventare miliardari. Fa riflettere, a tal proposito, un appunto di Enrico Mentana. Il giornalista ha fatto notare che in Italia i quattro più ricchi sono Ferrero, Del vecchio, Pessina e la “giovane” Aleotti di 78 anni, proprietari di società di dolciumi, occhialeria, salute e farmaceutica; in America, invece, i primi quattro possiedono Amazon, Microsoft, Facebook e Tesla e il più anziano ha appena 64 anni.

Chissà se il 2020 sarà anche l’anno di un’altra rivoluzione, quella delle donne miliardarie. Dal 2000 a oggi, purtroppo, solo Cristy Walten e Liliane Bettencourt sono entrate nella lista delle persone più ricche al mondo.

Fonte: Forbes

Ultima modifica: 21 settembre 

Leggi anche: La classifica dei Comuni più ricchi d’Italia 

Share with your friends










Inviare
Recent Posts

Start typing and press Enter to search