In Sessi

Ricavi a 828,6 milioni in 6 mesi (gli stessi di tutto il 2014). Ogni utente vale 0,57 dollari

Per i nativi digitali più pigri è probabilmente una manna dal cielo, anche se il fascino di Tinder coinvolge un po’ tutti. Basta scaricare la applicazione sul proprio cellulare, settare i propri gusti e si può cominciare a cercare la persona con la quale trascorrere una serata in compagnia. Se son rose, poi, fioriranno.

I ricavi di Tinder

La popolare applicazione di dating online nata negli Stati Uniti è stata lanciata per la prima volta sugli store digitali nel 2012 e da allora ha raccolto ampio successo e ricchissime revenue. Il grafico in apertura mostra i ricavi di Tinder, ovvero della casa-madre Match Group, dal primo trimestre del 2014 al secondo trimestre del 2018.

In sei mesi 828 milioni di dollari

In quattro anni la capacità di generare ricchezza del gruppo leader nel mondo del dating via app è aumentata enormemente. Nel primo trimestre del 2014 erano stati incassati 209 milioni di dollari; nello stesso periodo del 2018 il totale recitava 407,4 milioni di dollari. Il doppio.

A fine anno la voce ricavi è sempre stata in crescita per Tinder: dagli 888 milioni messi insieme nel 2014, nel 2017 si è arrivati a superare in scioltezza la quota di 1,3 miliardi di dollari. E il 2018 promette bene: nei soli primi sei mesi dell’anno, quindi primo e secondo quarto, la società è riuscita a incassare grazie alle proprie attività 828,6 milioni di euro. Una cifra molto vicina a quanto messo insieme nell’intero 2014.

Le previsioni, fatte dalla società quotata a New York, parlano di ricavi tra 1,68-1,72 miliardi di dollari.


Un utente vale più di mezzo dollaro

Ma come fanno i ricavi di Tinder ad essere così alti? Secondo le cifre pubblicate dalla stessa società, mediamente nel secondo trimestre del 2018 ogni utente ha garantito revenues per 0,57 centesimi di dollari. Il dato è in crescita dell’8% rispetto allo stesso parametro dell’anno precedente, anche se in un solo anno è schizzato il valore dei clienti non Nord-americani. Gli utenti del resto del mondo valevano 0,49 dollari nel secondo quarto del 2017; oggi generano alla società revenues per 0,56. Per la gioia degli azionisti di Wall Street.

I dati si riferiscono ai trimestri di Match Group fino al Q2 2018

Fonte: Match Group

Leggi anche: Il matrimonio non è la tomba del sesso
La prima volta? A 20 anni, in Italia il 3% è ancora vergine
I transessuali tentano il suicidio 10 volte di più

 

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca