fbpx
 In Fisco e tasse

Il 42% della ricchezza del Paese va al fisco. Ecco chi in Europa ha aumentato il peso delle imposte

Se ne discute tutti i giorni: la pressione fiscale in Italia aumenta o no? Se si sta ai dibattiti politici, oggettivamente, si capisce abbastanza poco, anche perché non serve sapere unicamente a quanto ammontino le tasse in Italia, bisogna anche confrontare il livello di tassazione italiano con quello degli altri Paesi europei. Solo così si ha un’idea chiara del livello di pressione fiscale in Europa.

La pressione fiscale in Europa

E’ quello che fa il grafico sopra: confronta l’aumento o la diminuizione della pressione fiscale in tutti i Paesi europei tra il 2017 e il 2018 mostrando quelli che l’hanno aumentata e quelli che l’hanno, invece, diminuita. I dati son o forniti da Eurostat e sono, quindi ufficiali. Premessa: in questo caso stiamo parlando della crescita non tanto della pressione fiscale (un termine che usiamo per convenzione) ma degli incassi fiscali da parte dello Stato. L’aumento o il calo degli incassi fiscali può essere stato influenzato anche dall’andamento dell’economia: più cresce e più (in teoria, almeno) cresce anche il versamento delle imposte. Cala, invece, se al contrario l’attività economica rallenta.

La tassazione su cittadini e imprese

Iniziamo con i macro numeri: nei Paesi a 28 (compresi, quindi, quelli che non hanno adottato l’euro come moneta) 17 Paesi hanno aumentato la pressione fiscale, tre l’hanno lasciata invariata tra un anno e l’altro (sono Slovacchia, Olanda e Grecia) e 8 l’hanno aumentata (chi più chi meno).

Il Paese dove gli incassi fiscali sono aumentati di più è la Romania con una crescita dell’1,3%. Viene poli la Polonia con l’1,1% e la Croazia con lo 0,8%.  All’estremo opposto c’è la Danimarca, che ha visto calare la pressione fiscale dello 0,9%. Bene anche Ungheria, -0,8%, e Finlandia. -0,7%. E l’Italia?

Le tasse in Germania

Tra il 2017 e il 2018 la tassazione in Italia ha mostrato un calo dello 0,1% sempre, lo ripetiamo, riguardo alle entrate statali. Esattamente nella stessa percentuale dell’Irlanda, anche lei allo 0,1%. Le tasse versate da imprese e cittadini italiani rappresentano il 42% del totale del Pil nel 2018 rispetto al 42,1% del 2017. Facciamo un solo confronto: quello con le tasse in Germania: nel 2018 ha rappresentato il 41,5% del Pil e l’aumento del peso fiscale è stato dello 0,5%.

I dati si riferiscono al: 2017-2018

Fonte: Eurostat

Leggi anche: Italia seconda nella Ue per le tasse sui biglietti aerei

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search