fbpx
 In Fisco e tasse

Ogni passeggero paga 22,82 euro, più di Francia e Germania. La Gran Bretagna arriva a 40,04 euro.

Dopo la “tassa sulle merendine” adesso si pensa alla “tassa sugli aerei”. Il governo smentisce che verrà introdotta, ma le voci corrono e la caccia ai soldi per chiudere la finanziaria 2020 sono così tanti (30-35 miliardi) che l’ipotesi non è affatto da escludere. Con il paradossale effetto che i prezzi di un volo aereo calano e le tasse aumentano a tal punto che (come a volte succede già ora) le imposte potrebbero essere superiori al costo del volo.

Le tasse sui voli aerei

Il grafico sopra il peso delle tasse, in euro, su un volo in partenza dai Paesi europei. Due precisazioni: le tasse indicate nel grafico rappresentano una media, calcolata dall’ufficio studi della Commissione europea, tra i vari tipi di imposizione fiscale su voli a breve, medio e lungo raggio o intercontinentali. Secondo: i Paesi che non compaiono nel grafico o non hanno alcuna tassa (la maggior parte) oppure non è stato possibile calcolarne la media.

Italia seconda in Europa

Risultato? L’Italia è il secondo Paese europeo per imposizione fiscale sui voli aerei: 22,82 euro per ogni passeggero che si imbarca. La consolazione è che si tratta di quasi la metà delle tasse che si pagano quando si prende un aereo in partenza dalla Gran Bretagna dove il fisco pretende ben 40,04 euro per ogni biglietto. Solo che in Europa, la maggior parte dei Paesi, non ha alcuna tassa sui biglietti o ce l’ha in misura ridottissima, non in grado di incidere sul costo del biglietto. Ad esempio: la Lettonia si limita ad un insignificante 0,01 euro, ma anche Paesi come la Spagna si accontenta di 2,57 euro mentre la Francia di 15,41.

La Lettonia vuole solo 0,01 euro

Quelle delle tasse sui biglietti aerei è una specie di piccola riserva di caccia per il fisco, che la utilizza ogni volta che lo Stato ha bisogno di nuovi introiti. Ad esempio: proprio quest’anno, a gennaio, la tassa d’imbarco sui voli nazionali è stata aumentata a 5 euro, dai 2 precedenti. L’introito dovrebbe servire per l’ennesimo salvataggio dell’Alitalia.

I dati si riferiscono al: 2018

Fonte: Commissione europea

Leggi anche: Puntualità: Alitalia 20esima al mondo

Un pilota su 3 si addormenta in cabina

 

 

Start typing and press Enter to search