In Sport

I gruppi ultras sono 403 e 42 inneggiano al fascismo. Quelli di estrema sinistra sono 23

La politica si insinua negli stadi con i tifosi ultras che si lasciano influenzare da passioni extra-calcistiche. In passato espressioni politiche estreme sono state espresse spesso nelle curve italiane. Lo scorso anno il caso degli adesivi che ritraggono Anna Frank con la maglietta della Roma, appiccicati dai tifosi della Lazio per insultare i giallorossi, ha riacceso le polemiche. La politicizzazione del tifo nelle curve è uno degli elementi mai risolti del calcio italiano: in mezzo ai tifosi, ci sono ultras e gruppi che hanno riferimenti politici molto precisi e, anche, molto pericolosi.

I tifosi ultras politicizzati

Il grafico sopra, tratto dal rapporto dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive (Ministero dell’Interno) per la stagione calcistica 2015-2016, mostra i gruppi di tifosi che fanno riferimento all’estrema destra, all’estrema sinistra, quelli che genericamente si rifanno a ideologie di destra, quelli che fanno riferimento a ideologie di sinistra e i gruppi apolitici, ma comunque ultras.

Sono 403 i club di tifosi ultras

Il grafico sotto, invece mostra la stessa classificazione ma riferita ai singoli tifosi, non più ai gruppi organizzati.

Il risultato è che in Italia sono attivi 403 club di tifosi ultras (a fronte dei 377 censiti nel campionato 2012/13), composti da circa 42.220 supporter (40.260 nel precedente campionato). Tra i gruppi, 159 (155 l’anno precedente) hanno manifestato un orientamento politico. I gruppi di estrema destra sono 42 (11% del totale), diminuiti di tre negli ultimi 12 mesi; quelli di estrema sinistra 23 (5%). Inoltre: 53 sono stati etichettati di destra (12%) a fronte dei 47 censiti in questo modo nel precedente campionato; 33 genericamente di sinistra (8%) a fronte dei 32 della stagione 2013/14. Infine 8 gruppi hanno manifestato un’ideologia mista.

Se guardiamo alla consistenza numerica, 9.420 tifosi appartengono a gruppi “politicizzati”: circa 4.555 tifosi risultano appartenere a gruppi orientati su posizioni politiche di estrema destra, 2.895 a gruppi di estrema sinistra mentre 22.376 sono gli ultras senza una appartenenza politica.

Tifosi ultras, il razzismo

Per quanto attiene al fenomeno del razzismo, l’Osservatorio sulle manifestazioni sportive spiega che nella stagione 2015/2016 si sono registrati 23 episodi di discriminazione razziale, 8 dei quali di natura antisemita, e 10 violazioni attinenti l’ostentazione di simbologie vietate. Per tali condotte sono stati denunciati 29 tifosi.

Ma il problema del calcio italiano è anche altro, ovvero i pochissimi controlli antidoping: Truenumbers ne ha scritto in questo articolo.

Periodo di riferimento: stagione calcistica 2015/2016
Fonte: Ministero dell’Interno

Leggi anche:
Lo Stato ingrassa con il campionato
Allo stadio crescono solo i feriti tra i poliziotti
Le tifoserie più violente d’Italia

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca