fbpx
 In Soldi

La classifica dei paesi più costosi in Europa e quelli dove si spende di meno

Il grafico mostra l’indice dei prezzi dei paesi europei. Il confronto è con la media europea, fissata a zero. Come si legge? Quando la percentuale è positiva i prezzi sono più alti della media, quando è negativa significa che sono minori.

Cos’è l’indice dei prezzi

Indice comparativo dei prezzi indica, a parità di potere d’acquisto, quali sono i paesi più “costosi”. L’analisi in questione prende in considerazione i beni di consumo principali.

Prezzi al consumo: i paesi dove la vita è più cara

I prezzi dei beni di consumo in Svizzera, per esempio, sono del 61,5% più cari rispetto alla media europea. Ma la vita è costosa anche in Islanda (47%) e in Norvegia (39,6%). Al contrario, i prezzi in Albania, Bulgaria e Macedonia sono del 50% inferiori a quelli medi europei.

L’Italia è più cara di Spagna e Portogallo

In Italia i prezzi al consumo sono in linea con la media dell’Eurozona e lievemente superiori (+2,3%) alla media dell’Europa a 28. Siamo risultati essere più cari di Spagna (-8,5%) e Portogallo (-15,7%), ma siamo più economici della Germania (+3,6%) e della Francia (+8.1%).

Dove costa di meno la carne?

Prendiamo ora in esame alcuni prodotti e, fatto 100 il prezzo medio in Europa, vediamo in quali paesi costano di più e in quali di meno.

Ad esempio, la carne: in Romania è molto economica, mentre in Danimarca è decisamente costosa rispetto al resto del Continente. Se 100 è la media europea, infatti, in Romania costa la metà (53%) e in Danimarca quasi il doppio (162). In Italia il costo della carne è superiore alla media europea, l’indice infatti è di 116.

Per quel che riguarda gli alcolici: in Italia l’indice dei prezzi (98) è poco sotto la media europea, mentre costano di meno in Bulgaria (64) e molto di più in Irlanda (175).

Sigarette: le sigarette sono care in Inghilterra (indice 218) e converrebbe comprarle in Bulgaria, dove costano la metà rispetto alla media (50). In Italia l’indice è di poco inferiore alla media europea (91).

Abiti e calzature: vestirsi costa caro in Danimarca (153) e nulla in Bulgaria (53). L’Italia (100) è esattamente nella media di tutti i paesi europei (100).

E intanto l’inflazione scende

La variazione annua dei prezzi in Italia, secondo l’ultima rilevazione disponibile, è stata del +1,4%, la stessa dell’Eurozona (in aprile il rialzo era stato dell’1,9%). L’aumento del carrello della spesa è stato generato dai rincari della frutta.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona, infatti, a maggio sono saliti dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,6% su base annua e ciò è dovuto, dice l’Istat, soprattutto all’effetto dei prezzi della frutta: + 4,8% per “fattori stagionali”.

I dati si riferiscono al: 2016 – 2017

Fonte: Eurostat, Istat

Leggi anche:

Fiammata dell’inflazione: sale all’1,9% ad aprile

Energia elettrica, Italia tra le meno care (ma in aumento)

Le (troppe) tasse sulla bolletta del gas

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search