In Notizie curiose
Share with your friends










Inviare

Ben 195 giorni in un anno. Elisabetta II 123 e Carlo solo 177, però ha 550 impegni ogni anno

Tra gli innumerevoli vantaggi di essere un re c’è anche quello che il contratto di lavoro è davvero a tempo indeterminato. Nessuno può essere licenziato. Lo svantaggio e che ti tocca lavorare tutta la vita, anche quando hai 93 anni. Prendiamo Elisabetta II, regina d’Inghilterra: ha, appunto, 93 anni e continua a lavorare (concetto meno vacuo per una regina di quanto si potrebbe pensare). Certo, potrebbe licenziarsi, cioè abdicare, ma il suo successore sarebbe il primogenito Carlo, quindi meglio tenere duro.

La famiglia reale britannica

Nella famiglia reale britannica, comunque, anche data l’età, non è Elisabetta quella che lavora di più, ma è Anna, la secondogenita di Elisabetta, che lavora 195 giorni l’anno, come mostra il grafico sopra che indica esattamente i giorni di lavoro di ognuno dei membri della famiglia reale britannica. Non è poco, in confronto a quanto si danno da fare i parenti, però 195 giorni l’anno assomiglia più ad un part time rinforzato che a un contratto a tempo pieno. Però, a dire la verità, nessuno nella famiglia reale britannica s’ammazza dalla fatica.

Il secondo più produttivo è, infatti Carlo, l’eterno erede al trono, che lavora 177 giorni l’anno seguito dal fratello Andrea con 146. Tanti, considerando che è il settimo in linea di successione alla madre Elisabetta e che, quindi, il trono non lo vedrà mai. Encomiabile senso del dovere. Poi viene Edoardo, il più piccolo dei 4 figli di Elisabetta che ogni anno ha 130 giorni in media impegnati dal lavoro. La cosa straordinaria è che, considerati i suoi 93 anni, Elisabetta, ogni anno, lavora poco meno di Edoardo che di anni ne ha 54, ovvero 123 giorni.

Cosa vuol dire “lavorare”

Ora: il punto è stabilire che cosa significa “lavorare” per un membro di una famiglia reale. “Lavorare” significa fare qualcosa che dipende direttamente dallo status che si possiede. C’è un’importante differenza, quindi, tra “lavorare” e “essere impegnati”. Una partita a golf, ad esempio, non è lavorare, ma è essere impegnati. L’inaugurazione di una scuola, invece, è lavorare. Abbiamo visto quanti giorni lavorano i membri della famiglia reale, adesso vediamo gli impegni calcolati in numero e non i giorni.

Al primo posto c’è Carlo: ogni anno ha 550 impegni, come mostra il grafico interattivo qui sopra. A voler essere ineleganti si potrebbe dire che il membro della famiglia reale inglese che è secondo in classifica per tagli di nastri è primo in classifica per partite di golf. Ma, appunto, sarebbe inelegante. Il secondo membro con più impegni è la sorella Anna con 541, una delle figure meno considerate della famiglia reale, ma interessantissima: sportiva (ha partecipato alle Olimpiadi, è cavallerizza), instancabile promotrice di enti di beneficenza, due matrimoni, due figli (dal primo) e un carattere fortissimo.

Quanto sono impegnati i re

Segue il fratello Andrea a l’instancabile Elisabetta II e, dopo di lei, il figlio Edoardo. Al sesto posto, con 227 impegni in un anno, c’è Camilla, la seconda moglie di Carlo, il cui attivismo è giustificato dal numero di titoli che le sono stati attribuiti in seguito al secondo matrimonio: duchessa di Cornovaglia, duchessa di Rothesay, contessa di Chester e baronessa di Renfrew. Il membro della famiglia che conduce la vita più tranquilla è Alexandra, figlia di Giorgio, duca di Kent e, per questo, cugina della regina. Anche per via del fatto che è 52esima in linea di successione, i suoi impegni sono soltanto 70 e non è nella classifica dei primi 10 membri della famiglia reale per giorni lavorati.

I dati si riferiscono al: 2017

Fonte: Ministero delle Finanze Britannico

Leggi anche: In Gran Bretagna giù le tasse alle imprese del 10%

Quanti sono i senzatetto in Gran Bretagna

 

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca