In Notizie curiose

Sono 3.987, 902  solo in Lombardia. La crescita maggiore in Umbria +630% dal 2012

Il fascino del tatuaggio ha stregato gli italiani. Negli ultimi cinque anni è aumentato del 200% il numero delle imprese che disegnano sulla pelle ricordi indelebili, con tatuaggi o piercing. Il grafico sopra mostra di quanto sono aumentati i tatuatori in Italia regione per regione. Complessivamente sono 3.987. Un caso su tutti: la Lombardia il 31 dicembre 2012 era popolata da 310 imprese dedite all’arte del tatuaggio e del piercing; a fine 2017 il loro numero è aumentato del 191% e ora se ne contano 902.

Nel Lazio 440 tatuatori

L’aumento percentuale è stato sensibile in ogni regione italiana e il dato più basso si è registrato nelle Marche che, comunque, si può fregiare del +136% in cinque anni.

Alle spalle della Lombardia che guida la classifica delle regioni con più tatuatori c’è il Lazio che conta su 440 imprese. Chiude il podio l’Emilia Romagna con 373 tatuatori iscritti alle camere di commercio regionali. Sopra l’asticella delle trecento società ci sono anche il Piemonte, con 368 aziende, e il Veneto con 323.

Volano Umbria e Calabria

In termini percentuali, invece, la crescita più sostenuta l’ha vista l’Umbria: +630%, con un salto dalle 10 imprese del 2012 alle 73 a fine 2017. Anche la Calabria non scherza per aumento del numero delle imprese attive: +433%: da 12 a 64 in cinque anni. Chiudono il podio per crescita percentuale l’accoppiata Basilicata-Molise: +367%, anche se in termini assoluti possono contare appena su 28 società in Basilicata e 14 nel Molise.

Roma, Milano e Torino province in testa

Le province con più aziende attive sono, come facile immaginare, quelle più popolose. Come mostra il grafico qui sotto, la palma spetta a Roma che ne conta 306, poi Milano con 272 imprese e Torino con 216.

A seguire si affacciano città medio-grandi del Nord come la coppia Brescia-Bergamo (rispettivamente con 147 e 123 realtà) e del Centro, come Firenze (115). Napoli, con 104 società iscritte al registro imprese, è la prima ed unica realtà del Mezzogiorno nel gruppetto delle migliori con oltre 100 società di tattoo e piercing iscritte al registro delle imprese.


Fonte: Unioncamere

I dati si riferiscono al 31/12/2017

Leggi anche: Italiani sempre più rifatti: tutti i dati

 

 

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca