fbpx
 In Business

L’azienda farmaceutica ottiene il 49% dei ricavi dalle vendite all’estero, in particolare in Europa

È un momento di forti scossoni per le industrie, dovuti all’impatto del coronavirus. Impatto che ha colto tutta l’industria farmaceutica italiane e anche Alfasigma, l’azienda nata dalla fusione tra Alfa Wassermann (gruppo farmaceutico fondato da Marino Golinelli nel 1948) e Sigma Tau (fondata nel 1957 dall’ex presidente di Farmindustria Claudio Cavazza). Attualmente il gruppo ha ricavi per 1,055 miliardi e un margine operativo lordo del 25%.

La fusione

L’operazione era cominciata nel 2015, prendendo il nome di AlfaSigma, e dando vita alla quinta entità del settore farmaceutico Italia. La decisione viene presa nel contesto di due famiglie bolognesi in buoni rapporti, in un periodo in cui Sigma-Tau stava affrontato l’attacco da parte dei produttori dei farmaci generici e la perdita del suo fondatore. Nel 2017 poi il processo avanza, rendendo effettiva la fusione per incorporazione in Alfasigma di Alfa Wassermann, Biofutura Pharma, Sigma-Tau.

I numeri della società farmaceutica

Uno degli obiettivi della fusione era quello di crescere dell’8-10% all’anno, passando dai 909 milioni di fatturato del 2015 a oltre un miliardo entro il 2018. Ci sono riusciti? Nel 2018, il ricavo è stato di 1.053 milioni di euro, una cifra coerente con i pronostici ma inferiore dello 0,4% rispetto al 2017. In quell’anno infatti, il fatturato è stato di 1,058 milioni di euro. Di questi, il 49% è stato ottenuto grazie alle vendite internazionali e il 51% attraverso i domestic sales.

Gli altri obiettivi della società farmaceutica sono: presidiare più mercati, quasi raddoppiando la presenza all’estero; raggiungere una massa critica per investire di più in ricerca e sviluppo, diversificando i rischi fra più prodotti. Per quanto riguarda l’estero, osservando il grafico qui sopra riferito alla presenza per regione, possiamo vedere che la è stata del 79.6% in Europa; del 0,1% in Africa; per quanto riguarda l’ Asia, 5,1%; in America del 15,2%. Per un totale di 2,650 presenze.

I dati si riferiscono al: 2015-2018
Fonti: Alfasigma

Leggi anche: Ci sono più di 7.000 nuovi farmaci in arrivo

Start typing and press Enter to search

ISCRIVITI ADESSO

 

Scopri i numeri dietro al tuo Business

Ricevi la newsletter di TrueNumbers

 

Leggi lPrivacy Policy per saperne di più sul trattamento dei tuoi dati personali.

Truenumbers Business

ti aspetta nella tua e-mail