fbpx
 In La Nera

Sono 335.242, sempre in crescita. La principale accusa è: attacco armato

Nel 2017 nelle carceri della Turchia sono entrati più di 335mila minorenni. Non è detto che questo sia esattamente il numero delle persone detenute, perché l’ufficio statistico rileva ogni singolo ingresso anche se si tratta della stessa persona.

I minorenni nelle carceri in Turchia

Il grafico sopra mostra l’andamento degli ingressi dei ragazzini turchi in carcere: sono sempre cresciuti. In particolare nel 2017 l’aumento degli ingressi rispetto all’anno precedente è pari a 1.807 minorenni anche se la crescita maggiore c’è stata tra il 2016 e il 2015: 30 persone in  più.

E’ possibile che l’aumento sia dovuto anche ai veri e propri rastrellamenti compiuti dal presidente Erdogan in seguito al mancato golpe del 15 luglio del 2016. Dopo aver ripreso il potere Erdogan ha, infatti, avviato una caccia all’uomo contro gli oppositori politici tra i quali potrebbero essere stati coinvolti anche minorenni.

Secondo i dati dell’ufficio statistico nazionale il 57,5% delle persone che hanno fatto il loro ingresso in carcere nel 2016 avevano un’età compresa tra i 15 e i 17 anni; il 24,5% tra i 12 e i 14 mentre il 17,9 avevano addirittura solo 11 anni o meno.

L’accusa: attacco armato

A corroborare l’ipotesi che i ragazzini siano rimasti vittima dei rastrellamenti di Ergogan post-golpe sono le accuse che vengono loro addebitate. Nel 74,6% dei casi l’accusa per giustificare la detenzione in carcere, per i maschi, è , infatti, quello di attacco armato, nel 2,2% dei casi per abusi sessuali,  nel 2,5% per minacce, nello 0,9% per sequestro di persona, nel 4,1% per furto e nel 6,4% per “attentato all’ordine familiare”. Nel 9,3% dei casi le accuse sono diverse.

Anche le bambine in carcere

Nel grafico qui sotto la suddivisione per sesso dei minorenni che sono entrati nelle carceri in Turchia.

Quello che colpisce è che anche per le femmine il principale atto d’accusa, 52,1% dei casi, è quello di “attacco armato”. Nel 19,1% di abuso sessuale, nel 4,5% di minaccia, nel 6,4% di sequestro, nel 2,9% furto, nel 9,5% di offesa contro l’ordine familiare mentre nel 5,6% si tratta di “altre accuse”.

I dati si riferiscono al: 2013-2017

Fonte: TurkStat

Leggi anche: Dalle Ue 10,6 miliardi alla Turchia spariti nel nulla

L’Islam al top degli interessi dei turchi più giovani

 

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

More in La Nera
Nel mondo vengono uccisi 80 giornalisti all’anno

Nel 2018, 56 omicidi accertati. In Asia si rischia di più: 36 morti

Close