In Futuro&Tech

grafico-emissioni-mercurio

La Germania è a 10 (da 32 del 1990). La Ue sta per imporre nuovi divieti, anche ai dentisti

Il grafico mostra le tonnellate di mercurio emesse dai Paesi dell’Unione Europea, tra il 1990 e il 2013. I Paesi che hanno emesso in totale meno di 10 tonnellate di mercurio non sono rappresentati per motivi di leggibilità.

Quanto mercurio nell’ambiente

L’Italia (linea rossa) non ha mai immesso mercurio nell’ambiente in modo particolarmente elevato: massimo 12 tonnellate all’anno (nel 1990). Tuttavia, il nostro livello di emissioni di mercurio nell’ambiente è sceso di poco, attestandosi sulle 8 tonnellate all’anno. Germania (linea gialla) e Polonia (linea indaco), producono più emissioni di mercurio di noi, 10 tonnellate all’anno, ma le hanno notevolmente ridotte: nel 1990 la Germania ne produceva addirittura 32 tonnellate, la Polonia 35. Il Regno Unito (linea azzurro intenso)  nel 1990 immetteva mercurio nell’ambiente per 37 tonnellate l’anno, nel 2013; le ha ridotte a 6.

Il mercurio inquina acqua e aria

Il mercurio è tossico, inquina l’aria, l’acqua e la terra. E’ più pericoloso se viene ingerito: provoca danni neurologici nei feti, e, in alte dosi, anche in bambini e adulti. Dato che tende ad accumularsi nell’organismo degli animali acquatici, chi consuma molto pesce corre dei rischi, soprattutto durante la gravidanza. Oltre il 70% del mercurio diffuso nell’ambiente è prodotto da fenomeni naturali, come i vulcani, ma è possibile intervenire sul restante 30%, che è il risultato delle attività umane. L’inquinamento provoca circa 450mila morti l’anno in Europa, come Truenumbers ha spiegato in questo articolo.

Nuovi divieti, anche per i dentisti

L’Unione Europea già nel 2010 aveva varato una legislazione restrittiva, che ha portato alla riduzione complessiva delle emissioni chiaramente visibile nel grafico. Nel 2013 ha sottoscritto la Convenzione di Minamata, che punta a ridurre al minimo le emissioni di mercurio nell’ambiente in tutto il mondo.

E’ probabile che i divieti riguardo al mercurio aumenteranno. Le nuove regole avranno un impatto soprattutto sulle industrie che utilizzano questo metallo. La Commissione sta discutendo anche del mercurio presente nell’amalgama per le otturazioni dei denti, che provoca il 24% delle emissioni causate dalle attività umane. Potrebbe vietarlo, imponendo materiali alternativi, che però sono più costosi e meno resistenti, oppure limitarsi a imporre regole più strette ai dentisti, riguardo all’uso e allo smaltimento dell’amalgama.

I dati si riferiscono al: 1990-2013
Fonte: European Environmental Agency

Leggi anche: Aria inquinata, uccisi 68.921 italiani

Sull’inquinamento Italia batte Europa

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca