In Crisi&Ripresa

Record negativo nel 2017. Ma tutto il mondo frena: la globalizzazione è in crisi? 

Il flusso mondiale degli investimenti esteri diretti cala nel 2017 del 18% rispetto al 2016. Il totale si attesta a 1.411 miliardi di dollari statunitensi. A raccogliere le cifre è l’Ocse che ha calcolato l’ammontare degli investimenti pubblici e privati provenienti da tutti gli Stati del mondo e destinati a Paesi diversi dal proprio. Nel 2017 l’ammontare di questi investimenti è stato pari all’1,8% del Pil mondiale, in calo rispetto alle cifre investite nel 2016 (2,3% del prodotto interno lordo globale) e 2015 (2,5%).

L’Italia attira (molto) poco

In Italia nel 2017 sono stati investiti 17 miliardi di dollari. Il grafico in apertura mostra, con gli istogrammi azzurri, l’ammontare annuo degli investimenti esteri diretti finiti in Italia (inflow) tra il 2013 e il 2017 e, con quelli rossi, quanto dall’Italia è stato investito all’estero nello stesso periodo di tempo (outflow).

Nell’ultimo anno, sono atterrati in Italia 17 miliardi di dollari, la cifra più bassa degli ultimi cinque anni. Ma ancora peggio hanno fatto gli investimenti italiani all’estero: appena 4 miliardi di dollari. Davvero pochi.

Negli Stati Uniti 287 miliardi

Ma quali sono i Paesi che hanno attirato il maggior numero di investimenti dall’estero? Nel 2017 secondo i dati dell’Ocse a guidare la classifica sono gli Stati Uniti d’America che hanno attirato 287 miliardi di dollari, seguiti dalla Cina (168) e dal Brasile (63 miliardi). L’Olanda è il primo paese europeo in classifica con 58 miliardi di dollari spesi nel paese, dietro ci sono i francesi (50), gli australiani (49), gli svizzeri (41) e gli indiani (40).

Anche l’Ocse frena

Sono calati anche gli investimenti dei Paesi Ocse in Paesi stranieri: meno 4% nel 2017: sono stati poco più di mille miliardi. Il calo è dovuto alle mancate risorse investite dall’Olanda, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti. In ogni caso, nonostante i tagli, gli Usa restano quelli che investono di più all’estero: oltre 360 miliardi. Seguono Giappone (160), Cina (101) e Regno Unito (99).


Fonte: Ocse

I dati si riferiscono al 2017

Leggi anche: Volkswagen prima al mondo per investimenti in R&S

Investimenti cinesi in Europa: più 77% in un anno

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca