In Notizie curiose, Sport

Hanno guadagnato 1,59 miliardi di commissioni in 5 anni. Gli italiani, da soli, 300 milioni

Ricchi, ricchissimi intermediari sportivi. La cifra incassata da Raiola (il controverso agente del portiere del Milan Donnarumma) e compagni nelle sessioni di calciomercato degli ultimi cinque anni – dal 2013 al 2017 – è arrivata a toccare quota 1,59 miliardi di dollari. Un fiume di denaro passato dalle casse delle squadre di calcio a quelle di chi mette d’accordo le diverse parti nel corso di una trattativa. Quelli che un tempo erano chiamati procuratori, oggi tutelano calciatori e club riuscendo a moltiplicare il valore delle parcelle grazie a lunghe telefonate, pranzi interminabili e abilità nel promuovere i player della propria scuderia.

Come si costruisce una squadra di calcio

Secondo uno studio della Fifa, che riguarda, quindi, tutte le federazioni calcistiche aderenti, nel 2013 sono stati appena 218 i milioni di dollari ricevuti in dote come commissione per affari chiusi; l’83% dei soldi sono stati pagati dalle squadre che hanno comprato il calciatore e il 17% dalle squadre che lo hanno venduto, come mostra il grafico sopra. Via via nel corso degli anni l’asticella si è alzata e, nel 2017, il totale delle commissioni versate dai club ha toccato il record: 446 milioni di dollari.

Statistiche calcio, gli intermediari sportivi

Il calcio, si sa, è lingua universale e si gioca ovunque. Ma il maggior peso gli intermediari riescono ad averlo lì dove si guarda un match con religiosa passione: l’Europa. I club iscritti alla Uefa hanno speso ben il 97,2% del totale incassato da tutti gli intermediari in un quinquennio, lasciando le briciole (43,8 milioni) a tutte le altre confederazioni continentali.

La nazione che paga le royalties maggiori ai procuratori è l’Inghilterra: 489,9 milioni di euro in 5 anni. Il grafico qui sopra mostra le dieci federazioni associate alla Uefa più spendaccione. Dietro l’Inghilterra si piazza l’Italia, dove i procuratori esercitano parecchio del loro potere: hanno incassato 343,8 milioni di euro in cinque anni. Al terzo posto c’è il Portogallo con 161,1 milioni di dollari. Ancora più indietro la Germania e la Spagna.

I dati si riferiscono al periodo 2013-2017

Fonte: FIFA Tms

Leggi anche: Il Coni taglia i contributi al calcio: -8%

Calcio: il Brasile vale tre volte la Polonia

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca