fbpx
 In Elezioni europee 2019, Politici

Superata anche la La Lega (128.782 euro). I 5Stelle hanno investito meno di 50mila euro

C’è stata una campagna reale, giocata nelle piazze e nei teatri di mezza Italia, e c’è stata una campagna virtuale, combattuta a colpi di post su Facebook, foto e inserzioni a pagamento. Tutti strumenti che hanno permesso ai partiti di avere maggiore visibilità sui social network. A urne chiuse, possiamo finalmente stilare una classifica di chi ha speso di più su Facebook per la campagna elettorale delle elezioni europee. E, soprattutto, capire chi ne è stato davvero avvantaggiato in base ai risultati (e chi no).

Post a pagamento per tutti

Come si vede dal grafico sopra, nel corso delle settimane c’è stato un costante testa a testa fra il Partito democratico e il profilo di Matteo Salvini (finanziato dalla pagina “Lega – Salvini Premier”). I dati comprendono il periodo che va da inizio marzo al 25 maggio e mostrano anche quanto è stato speso nell’ultima settimana della campagna elettorale, solitamente la più importante per convincere gli indecisi.

Ebbene, con 130.299 euro spesi per i post a pagamento sui social, il Partito democratico ha battuto Matteo Salvini (in seconda posizione con 128.782 euro). Il gap si è ampliato solo negli ultimi 7 giorni, dato che il partito guidato da Nicola Zingaretti ha investito 45.718 euro contro i 41mila della pagina di Matteo Salvini.

In terza posizione c’è la pagina personale di Silvio Berlusconi, i cui post a pagamento sui social sono costati 93.858 euro. Se si aggiungono anche i 44.045 euro spesi da Forza Italia (l’80% negli ultimi 7 giorni), le due pagine Facebook superano sia i dem, sia la Lega. Molto più distanti il Movimento 5 stelle, con 48.293 euro (spesi tutti nell’ultima settimana) e la combo Fratelli d’Italia-Giorgia Meloni. Fra i partiti che non hanno superato la soglia di sbarramento del 4% prevista dalla legge elettorale, invece, l’unica formazione ad aver investito più di 10mila euro è +Europa di Emma Bonino.

Chi vince e chi perde

Ora, se si confrontano questi numeri con i risultati ottenuti alle elezioni, il verdetto sembra essere chiaro: spendere migliaia di euro in post a pagamento sui social può influire sull’esito del voto. Le due pagine più “costose” di questa campagna elettorale, infatti, sono state premiate alle urne. Matteo Salvini ha conquistato la leadership politica italiana, mentre il Partito democratico ha recuperato terreno rispetto al 4 marzo scorso e ora è secondo partito.

A volte, però, la visibilità su Facebook non basta. È il caso di Berlusconi e di Forza Italia, le cui due pagine hanno speso quasi 140mila euro, senza però riuscire a superare la soglia psicologica del 10% di voti. Caso a parte il Movimento 5 stelle, con un tracollo elettorale “costato” solo 48mila euro.

I dati si riferiscono a: marzo-25 maggio 2019

Fonte: Facebook

Leggi anche: Risultati elezioni europee: Salvini vola, il Pd non crolla

La Lega quintuplica i voti (34,3%) e doppia i 5Stelle

Share with your friends










Inviare
Recent Posts

Start typing and press Enter to search