fbpx
 In Hot Topic

I ricorsi sono scesi da 189.808 a 170.357 tra 2018 e 2019. La Sicilia è prima nei contenziosi

La giustizi tributaria è quella che regola i contenziosi tra i contribuenti e lo Stato. E’ un campo sensibile in un Paese con pressione fiscale e allo stesso tempo evasione così alte.

Come altri rami della giustizia anche quella tributaria è sotto osservazione per i ritardi nella definizione dei ricorsi. In base al più recente report del ministero delle finanze, mentre vi è una sostanziale stabilità nei ricorsi pervenuti, vi è un calo in quelli definiti.

I primi infatti, i pervenuti, passano dai 148.714 del 2017 ai 153.344 del 2018 ai 142.153 del 2019  mentre i secondi, i definiti, dai 202.737 del 2017 ai 189.808 del 2018 ai 170.357 del 2019. C’è certamente il tema dello smaltimento di ricorsi vecchi che è stato effettuato negli anni scorsi, e che ha permesso un rallentamento nel 2019, ed è questa una delle principali spiegazioni del trend dei dati, ma è ancora più interessante forse osservare l’andamento regione per regione, che è visibile dal nostro grafico, almeno per quel che riguarda i ricorsi definiti.

La Sicilia la regione con più contenziosi di giustizia tributaria

Sono le regioni del Sud quelle in testa alla classifica di quelle con più contenziosi tributari, sia definiti che pervenuti. La Sicilia è prima per quanto riguarda i definiti, con 36.252 nel 2019, la Campania per quel che concerne i pervenuti, 31.265. In particolare la Sicilia è di gran lunga la regione in cui i processi definiti superano maggiormente quelli nuovi, di ben 13.409 unità nel 2019. Una differenza che da sola ammonta quasi a metà di quella riscontrabile a livello nazionale. Vuol dire che l’arretrato era enorme, e che la giustizia tributaria era stata particolarmente inefficiente lì.

Dopo Sicilia e Campania è il Lazio la regione con più contenziosi definiti nel 2019, 22.511, in calo rispetto ai 32.281 del 2017. 2.694 la differenza rispetto ai ricorsi pervenuti l’anno scorso, comunque inferiore a quella riscontrabile in Calabria, dove quelli definiti superano quelli pervenuti di 7.313 unità, 20.936 a 21.543.

E’ significativo che una regione come la Lombardia, con una popolazione quintupla rispetto alla Calabria, venga solo dopo, con 12.178 ricorsi definiti nel 2019, solo 29 in più rispetto a quelli pervenuti, segno di un arretrato relativamente piccolo. Tra le altre regioni la Puglia supera di molto Emilia Romagna, Veneto e Toscana, con un numero di contenziosi definiti doppio, nonostante la popolazione simile.

E’ chiaro che si sono scontrati due problemi all’interno della giustizia tributaria locale, da un lato l’inefficienza cronica dei tribunali del Sud, più lenti di quelli del Nord, come accade in altri ambiti giudiziari, dall’altro la litigiosità molto superiore nel Mezzogiorno, dove sono di più i ricorsi e i contenziosi, segno di un rapporto più conflittuale con lo Stato

Fonte: Ministero delle Finanze 

Leggi anche:

Chi fa causa al fisco vince nel 37% dei casi

 

 

Start typing and press Enter to search