In Soldi
Share with your friends










Inviare

Utenti medi mensili: da 766mila a 959mila in soli due anni. In 260mila seguono gli esports ogni giorno

L’Italia è stata nel 2017 il secondo mercato europeo (dietro al solo Regno Unito) nel gaming online. È quanto emerge da due recenti ricerche, una a cura dell’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano, e l’altra dell’UNLV Center for Gaming Research del Nevada. A trainare l’intero comparto la penetrazione sempre maggiore degli eSports, il successo dei casinò games e la crescita del gioco mobile, settore su cui si sono concentrati i maggiori investimenti e le offerte più importanti nell’ultimo periodo. Entriamo nel dettaglio della situazione nel nostro Paese e confrontiamola con quella degli altri Paesi Europei.

 

Secondo i dati dello studio del Politecnico di Milano sono 2,2 milioni gli italiani che hanno giocato almeno una volta online nel 2017, una crescita del 22% rispetto all’anno precedente. Sale anche il numero degli utenti singoli medi mensili, passati dai 766.000 del 2016 agli oltre 959.000 dell’ultima rilevazione, come mostra il grafico sopra. Il giocatore tipo, infine, è un uomo di età compresa tra i 25 e i 44 anni (53% dell’intero campione della ricerca) e vive nel Centro-Sud (70%).

 Photo by ArtificialOG

QUALI SONO I FATTORI DELLO SVILUPPO?

Partiamo dagli eSports, diventati in breve tempo uno dei settori trainanti dell’intero intrattenimento online, sia a livello globale che nazionale. A conferma della crescita è arrivata la recente ricerca targata Aesvi e Nielsen che sottolinea come nel nostro Paese siano ben 260 mila le persone che seguono ogni giorno eventi eSport. Di queste il 35% afferma di voler partecipare, o come giocatore o come pubblico, anche a un evento dal vivo nel prossimo futuro.

Il pubblico dei videogiochi online competitivi è relativamente giovane ed è composto principalmente da uomini (62%) di età compresa tra i 18 e 30 anni (52%), con un buon bacino d’interesse anche tra i 31 e i 45 anni (33%).

A farla da padrone tra le categorie di gioco preferite ci sono i MOBA (Multiplayer online battle arena) con titoli come League of Legends, Heroes of the Storm e DOTA 2 che raccolgono milioni di spettatori e giocatori in tutto il mondo, le competizioni sportive in cui spicca FIFA, gioco di punta di casa EA Sports, e sparatutto sullo stile di Rainbow Six Siege e Counter Strike, fortunato titolo targato Valve Corporation sbarcato recentemente anche sui dispositivi mobile.

IL MOBILE È IN CRESCITA

Proprio il gioco in mobilità è uno dei sotto-settori cresciuti di più negli ultimi anni, sia in termini di iniziative specifiche che di volumi di gioco. La spesa generata su telefoni e tablet di ultima generazione ha superato i 350 milioni di euro (+50% rispetto al 2016) trainata da Scommesse Sportive e Casinò Games. Questi ultimi sono quelli che hanno registrato la crescita maggiore (+29% in un anno per una spesa complessiva di 569 milioni di euro) spinti da aziende leader del mercato come PokerStars che hanno deciso di puntare con forza su nuove versioni per smartphone e tablet dei propri giochi di maggior successo. Crescite importanti anche per il poker e tutte le sue varianti (in crescita del 4% con spesa complessiva di 144 milioni di euro) e per la categoria Altri Giochi (concorsi a premi e simili).

Numeri notevoli che hanno fatto del nostro Paese uno dei mercati più importanti a livello mondiale e il secondo per volume di giocate in Europa, appena dietro al Regno Unito. È il dato più interessante che emerge dalla ricerca realizzata dall’UNLV Center for Gaming Research del Nevada. Molto suggestivo il confronto tra il mercato britannico e quello italiano. Il primo vanta una rete di oltre 9000 punti di gioco terrestri e un’offerta online che rappresenta il 56% del totale delle giocate con l’11% degli abitanti che dichiara di aver effettuato almeno una giocata (scommesse sportive o casinò) nell’ultimo anno. Un giro di affari che ha superato gli oltre 31 miliardi di dollari giocati online. L’Italia, con il suo volume di giocate, ha recentemente toccato i 10 miliardi, superando altri importanti Paesi come Germania e Francia.

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca