fbpx
 In Hot Topic

Si vota il 20 e il 21 settembre: il centrodestra ha 12 presidenti, il centrosinistra 6

Elezioni regionali, quando si vota? Il 20 e il 21 settembre sono in programma le elezioni regionali in 6 delle 15 regioni a statuto ordinario: Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania e Puglia. Si voterà anche nella regione autonoma della Valle d’Aosta, a causa dello scioglimento anticipato dell’assemblea regionale. Le elezioni regionali erano previste per il 19 aprile in Valle d’Aosta e tra marzo e giugno in Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania e Puglia, ma sono state rinviate alle date del 20-21 settembre a causa della pandemia di Covid-19 del 2019-2020.

La mappa dei governatori

Il centrodestra batte il centrosinistra nelle regioni italiane. Come si vede nel grafico in alto, ne governa 12 contro le 6 del centrosinistra (esclusi dal conteggio Trentino e Valle d’Aosta). Si devono, però, segnalare due tendenze degli ultimi anni. Il Movimento 5 Stelle non ha mai ottenuto nelle elezioni regionali lo stesso successo delle politiche o nelle votazioni amministrative di alcune grandi città. La Lega, invece, è stata protagonista di una vera e propria avanzata, a partire dal 2010 quando ha conquistato in un colpo solo Piemonte e Veneto. Nel 2013 ha preso in mano le tre principali regioni del Nord Italia: Piemonte, Lombardia e Veneto. E adesso ne controlla 4: Lombardia, Veneto, Umbria e Friuli-Venezia Giulia. Le altre in mano al centrodestra sono Piemonte, Liguria, Abruzzo, Molise, Basilicata, Sardegna e Sicilia.

Il centrosinistra guidato dal Pd al momento governa 6 regioni italiane: Emilia Romagna, Lazio, Marche, Toscana, Campania. E tra queste possiamo inserire anche la Puglia: il governatore Michele Emiliano è uscito dal partito, ma quando ha vinto le elezioni lo ha fatto sotto le bandiere del Pd. Nel conteggio non vanno inserite Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta: il motivo è semplice. Le guidano esponenti di partiti locali. Il primo è un caso unico, dove non vengono fatte elezioni regionali, ma i consiglieri regionali sono i consiglieri delle province di Trento e di Bolzano.

L’incarico di governatore viene ricoperto a turno da presidente di una delle due province. Al momento è Arno Kompatscher del Südtiroler Volkspartei. Il presidente della Val d’Aosta, invece, è Antonio Fosson di Union Valdôtaine. E’ un partito di ispirazione autonomista che ufficialmente non fa parte di nessuna coalizione, ma in passato ha fatto parte del centrosinistra.

I dati si riferiscono al: 2019 

Fonte: Ministero dell’interno 

Leggi anche: Muro di Berlino, l’ultradestra spopola nella ex Germania Est 

 

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search