fbpx
 In Soldi

I Btp sono comprati da banche italiane e i Bund da quelle tedesche. Quelle inglesi…

Questo interessantissimo grafico spiega il peso del debito pubblico sui bilanci delle banche da un punto di vista particolare.

Ecco chi compra il debito pubblico

Spiega, infatti, in quale Paese sono “residenti” le banche europee che hanno comprato il debito pubblico dei Paesi europei emesso nei primi sei mesi del 2015. Ad esempio: tra il primo gennaio e il 30 giugno il Paese che ha emesso la maggior quantità di titoli del debito pubblico è stata la Germania: ben 492 miliardi di euro. A comprare questi titoli sono state soprattutto banche tedesche e italiane, come si nota dallo spessore delle linee che collega il bond issuer (a destra) con le banche (a sinistra).

Il secondo Paese che nei primi sei mesi dell’anno ha emesso più titoli è l’Italia: poco più di 370 miliardi di euro. A comprare sono state soprattutto banche italiane, ma anche tedesche e francesi. Dal canto loro le banche italiane hanno comprato anche debito pubblico tedesco e spagnolo.

La tendenza generale è quella che le banche di un Paese comprano soprattutto il debito pubblico del proprio Paese e questo è particolarmente vero nel caso francese: la quasi totalità dei 331,7 miliardi di titoli emessi tra gennaio e giugno è stata comprata da banche francesi e solo in minima parte da banche cipriote e lussemburghesi.

Interessante, invece, la situazione della Gran Bretagna: chi compra il debito pubblico britannico? Beh, tutti i 200,8 miliardi emessi nei primi sei mesi sono stati comprati da banche britanniche che, oltre a quello di Londra, comprano anche titoli del debito pubblico di Washington, ma nemmeno un euro di debito pubblico di altri Paesi dell’Unione europea.

Un po’ diversa la situazione americana: il debito pubblico di Washington è prevalentemente all’estero, come Truenumbers ha spiegato in questo articolo.

 

I dati si riferiscono al: primo semestre 2015

Fonte: Eba

Leggi anche: Le banche sono solide? Ecco i numeri

Le banche italiane in salute precaria

 

Share with your friends










Inviare
Recent Posts

Start typing and press Enter to search

More in Soldi
Le banche italiane in salute precaria

Per solidità e solvibilità le banche italiane rispettano i parametri. Ma gli altri fanno meglio

Close