fbpx
 In Business

La richiesta è aumentata di 5 volte, ma in Italia se ne producono 93,5 milioni di litri

Più volte è circolata la notizia di una imminente mancanza di ossigeno medicale, una delle materie prime nella cura ai pazienti affetti da Coronavirus. Eppure, in Italia ogni anno si producono 93,5 milioni di litri di ossigeno liquido consegnati al sistema ospedaliero. La verità, infatti, come precisato anche dall’Aifa e Federfarma, è che non è tanto la materia prima, cioè l’ossigeno medicale, a mancare, quanto piuttosto le bombole per l’assistenza domiciliare.

bombole ossigeno

 

Le due realtà del settore hanno quindi raccomandato ai pazienti in cura presso il proprio domicilio di favorire un turnover, di modo da non far inceppare il sistema di distribuzione. Sono 3 milioni e mezzo le bombole per ossigenoterapia sono recapitati ogni anno agli ospedali. Di queste, 1 milione di taglia minore circola tra ospedali, farmacie e pazienti a domicilio.

Solo l’1% dell’ossigeno viene distribuito attraverso le bombole

Guardiamo allora i numeri sulla distribuzione dell’ossigeno medicale. Sempre secondo le stime dell’Aifa il 40% viaggia attraverso il territorio nazionale con delle pipeline, mentre il 44% del totale disponibile è generato da impianti criogenici locali. Un altro 5% proviene sempre da impianti locali, ma non criogenici, come quelli degli ospedali, e il 10% viene trasferito con dei camion o vagoni ferro

La criticità è semmai rappresentata dalla fornitura perché la maggiore domanda richiede un maggior numero di imballaggi, come bombole e tank, che, anche se già ordinati, non si riescono ad avere in tempi brevi. Senza trascura poi che a ogni viaggio in entrata e in uscita, gli imballaggi devono essere opportunamente trattati prima di essere nuovamente riempiti.

 

 

 

I dati si riferiscono agli anni 2019-2020

Fonte: Aifa

Leggi anche: 

Aumentano le imprese Biotech in Italia, la metà nell’Healthcare

Vaccino, l’Italia avrà il 13,5% delle dosi Ue

Vaccini antinfluenzali, la copertura è crollata negli ultimi 15 anni

 

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

More in Business
Cresce l’offerta del biologico nella Gdo italiana

Coop è la prima in Italia con 750 referenze, seguono Esselunga e Pam

Close