fbpx
 In Business

E’ stata digitata 5,3 milioni di volte nel 2019. Bene anche Intesa Sanpaolo e Fineco

Unicredit è la banca italiana più cercata su Google. Ma tra le più digitate, secondo i dati raccolti dall’agenzia Seo Nucleus, ci sono anche Intesa Sanpaolo e Fineco. Unicredit, gruppo bancario italiano che opera in 22 Paesi e conta 9.578 filiali oltre a 162.000 dipendenti, è passato da oltre 7 milioni di ricerche medie su Google del 2016 ai 5 milioni e 353mila dei primi 10 mesi del 2019.

I dati potrebbero cambiare presto, comunque, considerando i recenti cambiamenti nel panorama bancario. Intesa Sanpaolo, infatti, ha lanciato un’offerta da 4,9 miliardi su Ubi Banca con l’intenzione di rafforzare la sua posizione e diventare il principale operatore bancario in Italia. Intesa offrirà 17 azioni proprie ogni 10 azioni di Ubi, ha annunciato l’istituto al termine del consiglio d’ amministrazione. Per molti l’offerta non è stata concordata con Ubi, ma non si tratterebbe di un’azione ostile. Di sicuro, però, è stata una mossa inaspettata.

La classifica delle banche italiane

La seconda banca nelle ricerche su Google è Intesa Sanpaolo, ma sorprende Fineco: è in terza posizione sul web ma è più piccola, per esempio, di banche come Ubi Banca e Bnl che la seguono in classifica. Nella graduatoria di Google c’è anche l’ultima nata tra le banche italiane: la Illimity creata da Corrado Passera (ex capo di Intesa SanPaolo, ex ministro) e la N26, istituto di credito totalmente online di origine tedesca che da circa un anno ha iniziato ad operare anche in Italia.

Fuga di dati da Unicredit

Il colosso bancario è stato da poco protagonista di una preoccupante fuga di dati. Un’intrusione informatica ha riguardato i dati di quasi 3 milioni di clienti risalenti al 2015. A quanto pare gli hacker sono entrati in un file generato nel 2015, e che contiene circa 3 milioni di registrazioni, tutte italiane, composte da nomi, città, numeri di telefono ed e-mail. Tutti dati che gli hacker avrebbero spostato sul darkweb. La banca sta contattando i clienti interessati, e ha avviato indagini interne ed esterne.

Intesa SanPaolo in flessione

Intesa San Paolo, almeno su Google, vive una lenta flessione. Nel 2018 il suo nome è stato digitato 1 milione e 836mila. Nei primi dieci mesi, invece, del 2019 il termine Intesa San Paolo si attesta già su una media di 1 milione e 958mila ricerche. La banca, parlando di dati finanziari, ha chiuso il primo trimestre del 2019 con un utile netto di 1,05 miliardi, in calo del 16,1% rispetto allo stesso periodo del 2018, ma al di sopra dei 901 milioni previsti dal mercato. Saranno però gli sviluppi della sua offerta su Ubi Banca a dire l’ultima parola sui numeri di Google.

Fonte: Google

Leggi anche: Solidità, ecco le migliori (e peggiori) banche italiane

Nota metodologica: I valori forniti da Google sono approssimati. Lo studio è stato svolto dall’agenzia Seo di Milano Nucleus (www.nucleusagency.com). La selezione è stata svolta in base alla pertinenza tra marchio e settore, notorietà e visibilità su Google.

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search