fbpx
 In Hot Topic, Notizie curiose

spesa di tempoLe ore sono le stesse, ma il mondo le usa in modo molto diverso. I numeri del tempo libero in Italia

Dormire, mangiare, lavorare e divertirsi. Sono queste le attività che occupano la giornata della maggior parte degli uomini. Niente di strano fino a qui, ma abbiamo raccolto i dati dell’Ocse sulle abitudini giornaliere Paese per Paese. Ad esempio, il Paese in cui si lavora di più e dorme di più è la Cina. Quello dove si lavora (retribuiti) di meno è proprio l’Italia. Non è solo curiosità, ma le differenze nei vari Paesi offrono anche prospettive interessanti sulle condizioni di vita, le opportunità economiche e il benessere generale di cui i cittadini possono godere. Ecco anche le curiosità su come si impiega il tempo libero in Italia.

Le attività giornaliere minuto per minuto

Immaginate di avere un cronometro sempre con voi che scandisca la vostra giornata. Nei risultati è quello che il grafico sopra vuole illustrare. Si è preso quindi il monte delle 24 ore giornaliere e si è suddiviso il minutaggio per le principali attività quotidiane. La prima cosa che emerge, ovviamente, è che la scansione delle attività è molto simile in tutto il mondo. Passiamo la maggior parte del tempo a lavorare e a dormire, se poi teniamo conto del tempo libero quasi il 90% della giornata è occupato. C’è qualcuno che dorme e lavora più di altri però. Lo abbiamo già detto la Cina è campione per ore di sonno con 9 ore e 2 minuti al giorno. La vicina Sud Corea, invece, è ultima con appena 7 ore e 51 minuti. Sia in India che negli Stati Uniti le persone dormono in media un’ora di più.

La Finlandia è il Paese più altruista di tutti

Altro dato interessante è quello del tempo impiegato per un lavoro retribuito. In Cina e Messico le persone trascorrono quasi il doppio del tempo rispetto alle persone in Italia e Francia. C’è da fare una precisazione però: il grafico mostra la media di tutte le persone nella fascia di età lavorativa, dai 15 ai 64 anni, a prescindere dalla loro effettiva occupazione. Per la propria educazione è la Corea del Sud la leader mondiale con 57 minuti di media al giorno. In Europa è in Belgio che si passa più tempo ad apprendere più conoscenze, con 41 minuti. Chi è poi il più altruista del mondo? In Norvegia si passano ben 77 minuti in opere di volontariato, una quantità elevatissima se si pensa che al lavoro retribuito si dedicano 201 minuti giornalieri. Un’altra curiosità? In Irlanda si passa più tempo ad aspettare eventi che a praticare sport.

tempo libero

Il tempo libero in Italia? A tavola

A segnare le altre differenze ci sono sicuramente delle diversità economiche, politiche e demografiche, ma non mancano fattori culturali più profondi. Ad esempio, chi passa più tempo a guardare la Tv o ascoltare la radio piuttosto che mangiare e bere? Tutti, tranne Messico, Corea del Sud, Francia e Italia. Noi, i francesi, gli spagnoli e i greci in numeri assoluti passiamo più tempo a tavola che il resto del mondo. E ancora: gli Stati Uniti, nonostante i riconosciuti problemi di obesità, sono il Paese in cui le persone trascorrono meno tempo a mangiare e bere, appena 63 minuti al giorno. In generale, chi ha più tempo libero a disposizione sono Finlandia, Danimarca, Germania e Grecia a cui va il record di 341 minuti giornalieri.

 

I dati sono aggiornati al 2020

Fonte: Ocse

Leggi anche:

Il 29,4% dei lavoratori viene disturbato nel tempo libero

Il 43,2% degli italiani è soddisfatto della sua vita

Cina, il boom economico fa crollare la disuguaglianza

Ti piace citare i numeri precisi quando parli con gli amici? – La redazione di Truenumbers.it ha aperto un canale Telegram: qui potrai ricevere la tua dose quotidiana di numeri veri, restare aggiornato sui principali dati (rigorosamente ufficiali) e fare domande. Basta un attimo per iscriversi. Un’ultima cosa: siamo anche su Instagram.

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

More in Hot Topic, Notizie curiose
Petrolio in Basilicata, è record: 5,4 milioni di tonnellate

Tra 2019 e 2021 è previsto un aumento del 63,6% delle estrazioni

Close