fbpx
 In Hot Topic

Aumentano i battezzati: +14,1% in 10 anni, ma i sacerdoti sono sempre 400mila

Anche la Chiesa ha un problema generazionale. In Vaticano non riescono a mantenere costante il numero di sacerdoti in servizio. Perché? Non ci sono abbastanza giovani che li sostituiscano.

Il “tasso di sostituzione”

I numeri dell’Annuarium statisticum ecclesiae 2017 sul tasso di sostituzione dei sacerdoti dicono che ad oggi ogni 100 sacerdoti “in servizio” nel mondo ci sono 27,8 seminaristi. Quest’ultimi sono coloro che seguono un corso di studi di livello universitario in seminario, sono maggiorenni e hanno già accertato una vocazione religiosa. Sono quindi dei giovani che stanno studiando per prendere il posto dei sacerdoti anziani. Il grafico qui sopra mostra esattamente questa proporzione.

Più pecore, meno pastori

Difficile, pertanto, prevedere come la Chiesa possa vivere la sua missione “in uscita” come auspica Papa Francesco. Anche perché il lavoro aumenta. Nel corso degli ultimi dieci anni, infatti, il numero dei battezzati nel mondo è cresciuto (+14,1%) più velocemente della popolazione mondiale (+10,8%). I cattolici sono aumentati persino in termini assoluti. Erano circa 1 miliardo e 285 milioni nel 2015 e sono arrivati a 1,3 miliardi nel 2017. Ecco il grafico.

Nello stesso periodo di tempo il numero dei sacerdoti si è mantenuto intorno alle 400mila unità. Fino al 2014 sono aumentati, per poi iniziare a calare leggermente e a toccare quota 414.582 nel 2017. La fonte più viva delle vocazioni sacerdotali è sempre l’Africa, seguita dall’Oriente (nonostante le violenze contro i cattolici dall’Isis in Medio Oriente, oppure da Boko Haram in Nigeria) e dalla Cina comunista.

Allarme vocazioni

Per quanto riguarda l’andamento del numero dei seminaristi maggiori (diocesani e religiosi, come per esempio i gesuiti, l’ordine dal quale proviene Papa Francesco), la crescita delle vocazioni, come detto, si è fermata. Dal 2011 si è verificata una lenta e continua discesa, come si vede nel grafico qui sotto. In termini assoluti, i candidati al sacerdozio nel pianeta sono passati dai circa 120mila del 2012 a 115.328 del 2017. Risultano, invece, in crescita i vescovi, i diaconi permanenti, i missionari laici e i catechisti.

È probabilmente guardando questi numeri che periodicamente nella Chiesa cattolica emerge la richiesta di permettere di celebrare le funzioni anche ai preti sposati alle donne. È più plausibile, però, che il Vaticano sarà sempre più dipendente dalle vocazioni dei preti immigrati. Vocazioni che spesso si manifestano da adulti.

Da dove vengono i preti immigrati

Se si guarda agli ultimi anni si scopre i seminaristi sono cresciuti solo in Africa (+13,1% nel 2016) e in Asia. L’Europa “nonna”, come l’ha definita Papa Bergoglio, invece, sta diventando sterile, anche di preti oltre che di figli. Basti pensare che nel 2017 l’Europa ha contribuito solo per il 14,9% al totale mondiale dei seminaristi, l’America per il 27,3%, l’Asia per il 29,8% e l’Africa per il 27,1%.

Il risultato è che o Europa e America avranno sempre più preti immigrati nelle loro parrocchie, oppure quelli che ci sono dovranno macinare più chilometri per pascere le loro pecorelle, che saranno sempre di più.

I dati si riferiscono al: 2012-2017

Fonte: Annuarium Statisticum Ecclesiae

Leggi anche: Papa Francesco, crollo dei pellegrini

Sono 219 i “principi della Chiesa”

Share with your friends










Inviare
Recent Posts

Start typing and press Enter to search