fbpx
 In Hot Topic

Ma il dato si riferisce a prima del coronavirus. Nella stagione 2018/19 cresce il fatturato

Probabilmente risulterà utile adesso, con la crisi economica che tra tutti sta colpendo ancora di più quei settori come il calcio che più di altri si sono dovuti fermare per l’emergenza coronavirus. Non sappiamo se basteranno a compensare almeno in parte le perdite di quest’anno, quasi sicuramente no, ma l’incremento nella scorsa stagione dei fatturati del mercato calcistico con il senno di poi probabilmente sarà guardato in modo ancora più positivo dai presidenti delle squadre.

Secondo gli ultimi dati di Deloitte nel complesso il calcio europeo ha incassato 28,9 miliardi nella stagione 2018/19. Si tratta di entrate non distribuite equamente tra le diverse leghe del Continente, come è facile immaginare. A fare la parte del leone vi è la Premier League inglese, che è largamente in testa con 5 miliardi e 851 milioni, tanto è vero che la seconda, la Liga spagnola segue con “solo” tre miliardi e 375 milioni. Le squadre del campionato maggiore inglese hanno nel complesso incrementato il fatturato del 7%, soprattutto per l’aumento delle risorse distribuite dalla Uefa.

Su del 15% il mercato calcistico italiano

Non se l’è cavata male neanche la nostra Serie A quanto a crescita di fatturato mettendo a segno un +11%, simile al +12% della Ligue francese. La nostra lega ha goduto di un nuovo accordo sui diritti dei media e ora è quarta in europa con 2 miliardi e 495 milioni di entrate, dietro la Bundesliga, che con 3 miliardi e 345 milioni di fatturato è molto vicina al campionato spagnolo. A completare quelli che sono chiamati i “big five” del calcio europeo vi è appunto il campionato francese con un miliardo e 902 milioni.

Tra i più piccoli in testa al sesto e settimo posto le leghe di Russia e Turchia, abbondantemente sotto il miliardo. Nella stagione 2018/19 hanno anche subito cali dei ricavi. Al contrario di realtà per ora più minuscole, come quelle olandesi, belgi e austriache che invece hanno visto aumenti molto rilevanti secondo i dati di Deloitte, rispettivamente del 20%, del 16% e del 45%, grazie a migliori performance nelle coppe europee o, come è il caso austriaco, all’aumento delle squadre nel campionato principale

Da dove viene il fatturato dei club

Le fonti del fatturato dei club sono diverse, e alcune sono più importanti in un Paese e meno in un altro. Per esempio in Paesi come l’Inghilterra, l’Italia, il Portogallo, la Turchia, la maggioranza assoluta delle entrate viene dai diritti di trasmissione in TV o su altri media, nel nostro Paese parliamo del 59%, ovvero un miliardo e 460 milioni.  In Germania si scende al 44%. Lì contano di più, per circa il 40%, gli sponsor e altre entrate di tipo commerciale, che invece in Italia, Inghilterra, Spagna, sono meno rilevanti.

I ricavi legati al matchday, al giorno della partita, non sono una parte molto importante, superano di poco il 10% nella gran parte dei casi, in particolare nei big five.

Secondo Deloitte ci saranno perdite pesanti quest’anno, come appare ovvio. Per esempio per il campionato più redditizzio, la premier league, ammonteranno a 1,1 miliardi, ovvero poco meno del 20%.

Per la Serie A sarà anche peggio? Dovremo aspettare i prossimi mesi per saperlo

Fonte: Deloitte

I dati si riferiscono al 2018/19

Leggi anche: Il Barcellona è il club più ricco del mondo

 

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search