In Crisi&Ripresa

Perfino nell’arredamento non si trovano candidati. Nel 15% dei casi non hanno la formazione adatta

Ci sono cinque industrie in Italia che hanno più difficoltà di altre a trovare lavoratori per crescere. Sono quelle indicate nel grafico sopra.

I posti di lavoro liberi

I dati, ovviamente, non sono ufficiali, ma emergono da una ricerca effettuata da Unioncamere e Anpal Servizi (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive per il Lavoro) e pubblicati dal ministero del Lavoro. I dati del grafico sopra sono espressi in percentuali e dicono che in Italia i posti di lavoro liberi ci sono, mancano i lavoratori.

I 5 settori che non riescono a trovare addetti sono soprattutto industriali e nel grafico è spiegato anche il motivo per il quale non riescono ad assumere. Prendiamo il settore dell’Information & Communication Technology: nel 20% dei casi si tratta di vera e propria mancanza di candidati. Ovvero: a fronte della ricerca effettuata sul mercato per riempire posti di lavoro liberi, non si riescono a trovare persone pronte a farsi assumere. Forse ancora peggiore è il secondo motivo della difficoltà di assumere: i candidati che si presentano sono, nel 19% dei casi, impreparati a svolgere il lavoro richiesto mentre nell’1% dei casi le ragioni sono diverse.

Perfino nell’arredamento

Nella metallurgia il discorso non cambia ma è nel settore del legno e dell’arredamento che i dati dovrebbero preoccupare di più dato che stiamo parlando di una delle eccellenze italiane. L’industria dell’arredamento, nel 17% dei casi, non trova candidati ai posti di lavoro e nel 16% non trova candidati abbastanza preparati. Oggettivamente è un problema così come è un problema che nel 15% dei casi le imprese del settore costruzioni denuncino il fatto che mancano i lavoratori e che nel 13% abbiano trovato lavoratori impreparati.

Si può solo immaginare gli effetti positivi che si avrebbero sull’occupazione se i posti disponibili fossero effettivamente occupati: E’ vero che a marzo del 2018, come Truenumbers ha scritto in questo articolo, l’occupazione in Italia ha toccato un record, ma, come afferma questo sondaggio, si potrebbe fare molto, ma molto di più.

I dati si riferiscono al: 2018

Fonte: Unioncamere, Anpal Servizi

Leggi anche: Costo del lavoro: 24 euro in Italia, 4 in Bulgaria

La percentuale di lavoro nero Regione per Regione

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca