In Notizie curiose
Share with your friends










Inviare

I più comodi sono gli umbri: 134 metri quadrati. Laziali e lombardi stanno stretti

La superficie abitativa italiana è pari a circa 4 miliardi di metri quadrati. Ma, naturalmente, non tutte le case degli italiani sono di uguale dimensione.

Chi sta davvero largo e chi molto stretto

Il grafico sopra mostra la superficie media delle case suddivise per Regione. La superficie media di un’abitazione, calcolata come rapporto tra superficie complessiva e numero di unità abitative totali, è pari a 117 metri quadrati ma gli umbri abitano in case molto più grandi: mediamente sono di 134 metri quadrati.

Anche i friulani e i veneti stanno comodi: le loro case sono di 132 metri quadrati. Le dimensioni mediamente più ridotte si riscontrano in Valle d’Aosta (93 m2), Liguria (96 m2) e Basilicata (106 m2). Poi ci sono casi particolari. Ad esempio: prendiamo la Val d’Aosta: se si calcola il rapporto tra superficie complessiva e numero di abitanti residenti si nota che la piccola Regione del Nord, pur disponendo di abitazioni mediamente più piccole rispetto alla media nazionale, registra una misura dello spazio abitativo, per singolo residente, di gran lunga superiore a quello medio nazionale, rispettivamente 95,7 metri quadrati contro i 67 metri quadrati. Ciò dipende probabilmente dall’esistenza di numerose abitazioni date in locazione a fini turistici, oppure di proprietà di non residenti che le utilizzano per la villeggiatura.

A doversi lamentare, comunque, dovrebbero essere i laziali e i lombardi. I primi hanno case di una grandezza media di 130 metri quadrati, i secondi di 138.

I dati si riferiscono al: 2014

Fonte: Mef

Leggi anche: In Italia 3,7 milioni di immobili senza proprietario

La ripresina del prezzo delle case

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca