In Notizie curiose

Nel 2006 si viveva 81,4 anni, ora 82,7. Così il governo vuole alzare l’età pensionabile

In questo a speranza di vita ci batte solo la Spagna, tra i grandi Paesi europei. Nel 2015 un italiano aveva una speranza di vita di 82,7 anni rispetto agli 83,3 di uno spagnolo. Tutti gli altri, meno.

Quanto si vive in Italia

I dati Eurostat mostrano la speranza di vita, intesa come media tra aspettativa di vita maschile e femminile, dei cittadini di alcuni tra i maggiori Paesi europei tra il 2006 e il 2015. Come si vede in questi 10 anni tutti hanno aumentato la speranza di vita di circa 2 anni. La speranza di vita in Italia è passata da 81,4 anni del 2006 a 82,7 nel 2015. La media dell’Europa a 28, invece, è piuttosto bassa, “colpa” dei Paesi dell’Est che abbassano notevolmente la media. In Europa la speranza di vita media è passata da 78,9 anni del 2006 a 80,6 anni nel 2015.

Aspettativa di vita e pensioni

Questi dati sono particolarmente importanti quando si parla di speranza di vita e pensioni, perché proprio in base a questi si stabilisce, almeno in Italia, l’aumento dell’età pensionabile un cui parametro di riferimento è proprio l’allungamento della vita media. Come si vede, per praticamente tutti i Paesi, il picco della speranza di vita si è avuto nel 2014 con l’Italia a quota 83,2 (e la Spagna a 83,3), e un calo, seppure leggero, l’anno successivo. Quindi la speranza di vita è leggermente calata nell’ultimo anno preso in considerazione. L’Istat comunicherà i dati del 2016 solo in autunno. Questo è il motivo per il quale i sindacati in Italia si oppongono al decreto, che invece pare sia pronto per essere emanato, che aumenta l’età pensionabile. Questi adeguamenti, sulla base della legge Fornero, continueranno periodicamente fino al 2050 quando l’età di pensionamento, sempre basandosi sull’assunto di un aumento della speranza di vita, arriverà a quota 70 anni. L’ultimo adeguamento si è avuto nel 2016.

Nel 2050 in pensione a 70 anni

In assenza di novità, quindi, dal 2019 l’età di pensionamento sarà di 67 anni dagli attuali 66 anni e 7 mesi. Novità molto difficili che si verifichino dato che il governo ha già contabilizzato i risparmi nei vari documenti di finanza pubblica e se dovesse fare marcia indietro dovrebbe recuperare i mancati risparmi da altre voi del bilancio pubblico.


I dati si riferiscono al: 2006-2015

Fonte: Eurostat

Leggi anche: Pensioni Inps, il buco 2017 sarà di 5,8 miliardi

Pensioni, solo il 7% con il metodo contributivo

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca