fbpx
 In Sessi

In Slovenia 70 giorni, in Italia solo 2. In Portogallo sono obbligatori almeno 20 e in Belgio 3

Il grafico sopra mostra quanti sono i giorni di paternità in Europa, obbligatori o facoltativi. Sulla questione dei giorni che un padre può assentarsi dal lavoro per stare a casa con il figlio appena nato vuole intervenire il governo che, per bocca del ministro delle Pari Opportunità Elena Bonetti di Italia Viva (la nuova formazione politica di Matteo Renzi) intende portare i giorni obbligatori almeno a 10. Anche perché la situazione italiana è una delle peggiori d’Europa.

Basta guardare il grafico sopra e la tabella qui sotto che indica in quale percentuale viene retribuito il congedo.

C’è chi prende 150 giorni consecutivi

  • Svezia: la legislazione svedese su questo tema non fa differenza fra papà e mamma. Entrambi possono stare a casa dal lavoro contemporaneamente e per due settimane subito dopo la nascita del figlio.
  • Slovenia: ha il congedo di paternità più lungo d’Europa, 10 settimane, che però sono state ridotte a sette quest’anno e caleranno a quattro settimane dal 2018.
  • Portogallo: i genitori hanno la possibilità di prendere 120 o 150 giorni consecutivi (150 se entrambi i genitori condividono le ferie). Il padre può prendere qualsiasi parte del “monte-giorni” tranne il congedo parentale iniziale riservato alla madre la quale ha diritto fino a un massimo di 30 giorni di congedo volontario prima della nascita e 6 settimane di congedo obbligatorio dopo.
  • Spagna: i padri possono prendere un congedo di paternità di 13 giorni e un congedo di nascita di 2 giorni. Nel settore pubblico questi due giorni sono considerati come unico. Dal primo gennaio del 2017 il congedo di paternità è stato aumentato a 4 settimane.
  • Lussemburgo: i padri possono avere solo un “congedo straordinario” di appena 2 giorni per la nascita (o l’adozione) di un figlio, retribuiti al 100%.
  • Austria: zero giorni, ma i lavoratori del settore pubblico possono prendere un mese di assenza dal lavoro non retribuito.
  • Estonia: i padri possono prendere il congedo di paternità prima o dopo la nascita per 2 settimane, retribuite al 100%
  • Repubblica Ceca: dopo la sesta settimana di congedo di maternità postnatale, il padre e la madre possono alternare il congedo senza restrizioni sulla frequenza delle alternanze. Nel 2017è stato introdotto anche il congedo di paternità: una settimana retribuita al 70%.
  • Croazia: dopo il periodo di maternità obbligatoria, le mamme hanno diritto ad un periodo supplementare, che può essere trasferito al padre, fino ai sei mesi di età del bimbo.
  • Irlanda: due settimane di congedo di paternità, pagato come quello di malattia e fino a 230 euro a settimana.
  • Italia: la durata del congedo obbligatorio è di due giorni, più altri 2 giorni di congedo facoltativo da utilizzare alternativamente alla madre in astensione obbligatoria (a condizione quindi che la madre rinunci a due giorni del proprio congedo).

I dati si riferiscono al: 2017

Fonte: Parlamento Europeo

Leggi anche: Paternità: in Italia non esiste

Start typing and press Enter to search