fbpx
 In La Nera

Immigrati e stranieri? No: gli jihadisti Usa sono cittadini americani convertiti all’Islam

Sayfullo Saipov, 29 anni, l’attentatore di New York del primo novembre di quest’anno è residente regolarmente negli Stati Uniti. Così come, da notizie non ancora confermate, residente negli Usa è anche Akayed Ullah, il simpatizzante dell’Isis che sembra abbia provato a farsi esplodere alla stazione degli autobus di New York. Ma non sono affatto gli unici terroristi ad essere perfettamente integrati e ad avere regolare permesso di soggiorno. Anzi. Il grafico sopra mostra da dove vengono i terroristi che, dall’11 settembre ad oggi, hanno attaccato l’America. Chi sono?

Di circa 400 individui accusati di atti terroristici o credibilmente coinvolti nelle attività ispirata dalla jihad, poco meno della metà (197) sono cittadini americani, altri 82 sono cittadini naturalizzati e 44 sono residenti permanenti.

Terroristi con visto di soggiorno

Insomma, di terroristi stranieri ce ne sono veramente pochi: se escludiamo i 39 di origine sconosciuta, quelli con altra cittadinanza sono 11. Restano poi da mettere in conto 8  immigrati illegali, 12 rifugiati e 11 terroristi con un visto di soggiorno.

I terroristi sono americani

Lungi dall’essere infiltrati stranieri, la grande maggioranza dei terroristi jihadisti negli Stati Uniti sono quindi cittadini americani o residenti legali.  Inoltre circa un quarto degli estremisti sono americani che si sono convertiti all’Islam.

I dati si riferiscono al: 2017

Fonte: Csis

Leggi anche:

Quanti terroristi si suicidano ogni settimana nel mondo?

Terroristi: Londra prima li arresta poi li rilascia

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search