In Terrorismo

Più di mille morti per strage in tre anni e il fenomeno dei “mass murder” è in aumento


Il grafico mostra (in blu) il numero di “mass shootings” negli Stati Uniti, cioè di stragi compiute “sparando nel mucchio”, senza avere come obiettivo una persona precisa, e il numero di morti (in rosso) e di feriti (in giallo) causati da questo tipo di delitto. Nel grafico sono considerati tutti gli episodi in cui qualcuno ha sparato a una massa di persone, anche se hanno provocato solo feriti e non corrispondono alla definizione di “mass murder” dell’Fbi, che richiede almeno quattro morti in un breve lasso di tempo e non considera l’arma del delitto, che può anche non essere un’arma da fuoco.

Stragi di massa

Le stragi di massa con armi da fuoco, negli Stati Uniti sono un evento quasi quotidiano: nel 2015 ce ne sono state 330, con 367 morti e 1.318 feriti. Di fronte a questi dati l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, all’inizio del 2015, ha annunciato un giro di vite sui controlli per chi vuole acquistare armi, visto che le stragi di questo tipo vengono compiute per follia o per terrorismo. Giro di vite che non si è mai visto e che difficilmente arriverà da parte dell’attuale presidente Donald Trump, anche dopo la tremenda strage compiuta da Stephen Paddock a Las Vegas: 59 persone morte.

Così: dall’inizio del 2016, ci sono già state 138 stragi, tra cui quella di Orlando, che ha fatto salire il numero dei morti a 212 e quello dei feriti a 558.

Cinque anni, mille morti

Dal 2013 a causa di questo tipo di sparatorie, spesso seguite dal suicidio dell’attentatore, sono morte 1.139 persone e altre 3.952 sono rimaste ferite. I numeri fanno impressione, ma sono una goccia nel mare rispetto agli 11mila omicidi con armi da fuoco commessi negli Usa ogni anno.

Nel grafico qui sotto sono indicate le più sanguinose stragi di tutti i tempi avvenute negli Usa, ordinate per il numero di morti per strage e identificate in base al nome dello Stato o della città nelle quali sono avvenute.

Lo Stato dove ci sono state più vittime di stragi di massa, dal 2013, è la California, che però è anche il più popoloso: ci sono stati 415 morti su una popolazione di quasi 40 milioni di persone. Al secondo posto c’è la Florida, con 130 morti su meno di 20 milioni di abitanti. Al terzo posto c’è il Texas, un altro Stato molto grande, con 97 morti per strage su circa 26 milioni di abitanti.

I dati si riferiscono al periodo 2013- 16 giugno 2016
Fonte GVA

Leggi anche: Di cosa si fanno i minorenni europei e americani

In America i terroristi hanno (quasi) tutti la cittadinanza

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca