In Hot Topic

Sono gli stranieri che hanno conquistato la cittadinanza, solo in 40mila volano all’estero

Diventare italiani non è poi così difficile. Nel 2017 sono stati 146.605 gli stranieri che hanno acquisito la cittadinanza e sono diventati a tutti gli effetti parte della nazione. Il dato emerge dalla statistiche dell’Istat sulla popolazione residente.

Come Truenumbers ha raccontato in questo articolo, nel 2017 gli stranieri che vivevano nel nostro Paese erano oltre 5 milioni: il totale è dato dalla somma di vecchie presenze e nuovi arrivi, meno coloro che cancellano la propria iscrizione dalle diverse anagrafi comunali dedicate agli stranieri. A cancellare il proprio nome dall’anagrafe, sempre nel 2017, sono stati 563.865 stranieri: più di un quarto lo ha fatto proprio perché entrato in possesso della cittadinanza italiana.

Gli stranieri e l’anagrafe

Il grafico in apertura mostra i vari motivi che spingono una persona straniera a cancellare il proprio nome dai registri. La gran parte degli stranieri lo fa semplicemente per cambiare comune: un banale trasferimento di residenza. In questa categoria rientrano 232.813 persone.

Il secondo motivo per il quale ci si cancella dagli elenchi speciali è l’acquisizione della cittadinanza; un’altra buona fetta di persone lo ha fatto per ragione statisticamente ignote 136.590.

All’estero vola solo il 7%

Poi ci si può cancellare perché ci si trasferisce all’estero: lo hanno fatto in 40.551. Infine, ci sono coloro che vengono cancellati dalle liste dell’anagrafe per morte: lo scorso anno son morti in Italia 7.036 stranieri. Ma il saldo è decisamente in attivo: gli stranieri nuovi nati sono 67.933.

I dati si riferiscono al 2017

Fonte: Istat

Leggi anche: I romeni in Italia sono 1,1 milioni, doppiati gli albanesi
A Milano il 19% è straniero: più 550% in 30 anni
Gli stranieri residenti: più 21mila nel 2016

 

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca