fbpx
 In Hot Topic

Adesso sono state riaperte in tutta Italia. Ecco le province che ne hanno di più

Sono tra le poche categorie di negozi che hanno potuto riaprire prima degli altri, ma sono in alcune regioni. Adesso, le librerie hanno riaperto in tutta Italia. Ma quante librerie ci sono in Italia? E, soprattutto, quale sono le regioni italiane con la maggiore presenza in rapporto alla popolazione?

Intanto si deve dire che in Italia ci sono 4.462 librerie, 59 in meno rispetto al numero che veniva registrato nel 2015. Le prime province in Italia per numero di librerie sono Roma (476 negozi), Milano (268) e Napoli (248). Ma questo è un dato abbastanza fisiologico considerando che ospitano le tre principali città in Italia. E’ più interessante andare a vedere la loro distribuzione.

Leggi anche: Il confronto tra le misure economiche anti-coronavirus dei vari Paesi

La classifica delle province per “densità” di librerie

Analizzando i dati forniti da Unioncamere abbiamo scoperto che – al 31 dicembre 2019 – la prima provincia in Italia per numero di librerie in rapporto ai residenti (abbiamo utilizzato i dati Istat del 1 gennaio 2019) è quella di Cagliari. Qui c’è una libreria ogni 5.747,13 abitanti. In seconda posizione troviamo Massa Carrara (5.905,39), seguita da Savona, Rimini e Siena. Come si può vedere dal grafico in alto – dove abbiamo inserito le prime 20 province per librerie in rapporto agli abitanti in Italia – per trovare la prima provincia del Sud Italia dobbiamo arrivare fino alla diciassettesima posizione: Potenza (una libreria ogni 10.427,43 abitanti).

Le differenze tra Nord e Sud nella lettura

Può sembrare strano guardando alle statistiche diffuse ogni anno dall’Istat sul numero di lettori nelle varie regioni, ma nelle ultime posizioni per densità di librerie troviamo province del Nord. La lettura, come ci dice l’Istat nell’ultimo rapporto “Produzione e lettura di libri in Italia, riferito al 2018, risulta molto più diffusa nelle regioni del Nord: ha letto almeno un libro il 49,4% delle persone residenti nel Nord-ovest e il 48,4% di quelle del Nord-est.

Le peggiori province d’Italia

Al Sud, invece, la quota di lettori scende al 26,7% mentre nelle Isole si conferma una realtà molto differenziata tra Sicilia (24,9%) e Sardegna (44,7%). Dove ci sono più lettori, ci sono più librerie: il ragionamento non farebbe una piega. Nella nostra classifica, però, in terzultima posizione troviamo Lodi (una libreria ogni residenti 25.577,56), in penultima c’è Bolzano. La peggior provincia d’Italia – come si vede nel grafico in basso, dove troviamo le 20 peggiori province in Italia – è quella di Lecco (una libreria ogni 28.115 abitanti). Strano: proprio la città che ha ispirato i luoghi di uno dei più celebri capolavori che si studiano a scuola, I promessi sposi. Alessandro Manzoni, infatti, aveva trascorso l’infanzia proprio nella città che si affaccia sul Lario e sorge sotto al Resegone. Adesso, però, i lecchesi non sembrano particolarmente amanti della lettura: solo 12 librerie tra città e provincia.

Fonte: Unioncamere 

I dati si riferiscono al: 2019 

Leggi anche: Cultura: quanti libri italiani vengono tradotti all’estero

Cultura, in Italia chi lavora è anziano e senza una laurea

Start typing and press Enter to search