fbpx
 In Hot Topic, Immigrazione

Nel 2018 Germania e Francia in testa nelle domanda di riaccogliere i richiedenti asilo

Il famigerato Trattato di Dublino è quell’insieme di regole che stabiliscono come comportarsi con i richiedenti asilo che si spostano per l’Europa, e sostanzialmente impongono ai Paesi dove la prima richiesta è stata fatta o che hanno legami con questi di riprendersi gli immigrati che fossero in un altro Stato. L’Italia è in prima fila nel chiedere una revisione di queste regole e i dati del nostro grafico dicono perché.

In base agli ultimi dati, dell’autunno 2019 e che si riferiscono al 2018, siamo stati di gran lunga i primi per numero di richieste di rimpatrio ricevute da altri Paesi, 41.911. Ovvero gli altri Stati che aderiscono al Trattato (membri UE o EFTA) ci hanno chiesto di riprenderci 41.911 richiedenti asilo che erano giunti sul loro territorio.

La classifica dei Paesi per richieste in uscita e in entrata

Al secondo posto, ma a lunga distanza, la Germania, con 25.005, decisamente pochi considerando il numero di immigrati giunti lì negli ultimi anni. E’ chiaro che è molto meno frequente che decidano di uscire dal Paese per andare in un altro. Cosa che invece accade spesso a quelli che arrivano in Italia.

Si può tra l’altro confrontare il numero di richieste pervenute, ovvero di riprendersi richiedenti asilo, con quelle in uscita, ovvero quelle fatte ad altri Paesi perché siano loro a rimpatriare richiedenti asilo che dovrebbero essere in quel territorio invece che in quello di chi fa la richiesta. Nel caso dell’Italia il saldo è assolutamente a favore delle domande in entrata, 41.911 a 4.628.Vuol dire che sono stati solo 4.628 gli immigrati richiedenti asilo che abbiamo cercato di portare in altri Paesi perché giunti irregolarmente nel nostro dal resto della Ue. L’esatto opposto è accaduto in Germania, che invece ha chiesto il rimpatrio, spesso in Italia, di 54.906 immigrati.

La Francia ha chiesto di respingere 45.358 nel 2018

Dopo la Germania comunque è stata la Spagna a ricevere più richieste di rimpatri, 8.807, a fronte di quasi zero domande in uscita, ma qui forse i dati sono incompleti. E poi la Francia, che ha subito solo 8.744 domande in entrata ma ben 45.538 in uscita. Naturalmente in questa cifra ci sono anche e soprattutto i respinti in Italia. Dopo la Francia vengono Svezia, Austria e Svizzera quanto a richieste di rimpatrio ricevute, ma le cifre si fanno man mano più basse

La gran parte delle domande sono del tipo “take back“, ovvero quelle che coinvolgono migranti che prima avevano fatto una richiesta di asilo in Italia, se parliamo del nostro Paese, e poi erano uscite, andando per esempio in Germania o Francia, che poi ci chiedono di riprenderceli. Sono 29.407 su 41.911. Le richieste “take charge” sono una minoranza. Si tratta di quelle che riguardano immigrati che per esempio richiedono asilo in Francia ma hanno già ottenuto un visto o un permesso di residenza in Italia o hanno attraversato il confine illegamente sempre dall’Italia o sono minori con genitori in Italia.

Anche in Germania sono molte di più le domande “take back”, così come negli altri Paesi. Solo in Spagna risultano essere maggioranza quelle “take charge”.

I dati sono del 2018

Fonte: Eurostat

Leggi anche: Ecco gli Stati che hanno accolto più immigrati

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search