fbpx
 In Crisi&Ripresa


addetti-turismo-europa
Meno del 10% degli italiani lavora nel turismo. E le stanze d’albergo sono vuote

La mappa illustra la percentuale di addetti al turismo, rispetto al totale della popolazione tra i 16 e i 64 anni, in tutte le regioni dei 28 Paesi dell’Unione Europea, tranne l’Irlanda e la Grecia, Paesi per i quali mancano i dati.

Gli addetti al turismo sono pochi

I numeri del turismo in Italia dicono che gli addetti al turismo in Italia sono più del 10% solo in Valle d’Aosta e Alto Adige, che condivide le stesse alte percentuali dell’Austria. Salta all’occhio il contrasto tra Corsica e Sardegna: l’isola francese ha una percentuale di addetti al turismo nettamente superiore (>10%) a quella della vicina isola italiana (5%-7%). La maggior parte delle Regioni italiane è nella fascia (5%- 7%), superiore alle media europea del 4,8%, con l’eccezione della Basilicata (3%-5%), che pure, tra coste, natura incontaminata e monumenti un buon potenziale per il turismo balneare lo avrebbe. Significa che tra i problemi del turismo in Italia c’è quello di non sapere produrre un’adeguata offerta, pur avendone tutte le possibilità. Nella fascia 7%-10% ci sono solo Liguria e Provincia Autonoma di Trento.

La classifica degli alberghi pieni 
alberghi-vuoti

In media, il 60% dei posti letto negli hotel italiani rimane vuoto. La regione che ha il tasso d’occupazione dei letti più alto è l’Alto Adige (58,4%) seguito dal Lazio (53,7%), che nel 2014 ha beneficiato anche dell’afflusso record di pellegrini da Papa Francesco (+6,7% rispetto al 2013, il turismo religioso continua ad essere un driver importante per l’Italia). Terzo il Veneto 51,6% e quarta la Sardegna (44,3%) battuta anche in questo dalla vicina Corsica (51,5%). La maggior parte delle regioni del Sud si trova nella parte bassa della classifica. Ultima la Sicilia: più di due terzi dei letti disponibili sono rimasti vuoti anche se avrebbe delle grandissime potenzialità per diventare protagonista del turismo culturale in Italia

Ovviamente, si tratta di medie annuali, che non tengono conto della stagionalità di alcuni tipi di turismo, come quello balneare o anche di quello enogastronomico. Ma, come si vede, le regioni di maggiore successo sono quelle che al turismo stagionale (per esempio lo sci in Alto Adige) hanno saputo affiancare altri tipi di offerta sportiva, naturalistica-sostenibile o culturale. E, perché, no, anche un’offerta per chi cerca un turismo d’élite in Italia.

I dati si riferiscono al 2013 per gli addetti al turismo e al 2014 per l’occupazione delle strutture alberghiere
Fonte: Eurostat

Leggi anche:
Sorpresa: chi vive sul mare è più povero
La fuga dei turisti russi dall’Italia

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

More in Crisi&Ripresa
Lavoro in Europa, mai così tanti occupati

Rispetto al 2016 siamo a +1,4% nuovi posti di lavoro e + 0,4% da inizio anno. Record storico

Close