In Hot Topic

E il 39% non ha il diploma, pochissimi i laureati ma bene le donne “dottoresse”: +10% in 10 anni

L’Italia è il paese con la maggior percentuale di adulti in età lavorativa in possesso solo della licenza media: sono il 33% del totale. Un record tra tutti i paesi Ocse. Il grafico in apertura mostra la percentuale degli adulti in età lavorativa (25-64 anni) con un determinato titolo di studio nei paesi principali che fanno parte dell’organizzazione.

Complessivamente, considerando, quindi, tutti i titoli di studio,  l’Italia si posizione a metà classifica nella classifica dei Paesi più istruiti. È, cioè, più avanti di altre realtà, come la Turchia (41% ha solo la licenza elementare e il 5% neanche quella) e il Portogallo (29%, 2%); ma è indietro rispetto ai Paesi cui più spesso viene paragonata.

In Germania solo il 14% senza diploma

In Francia solo il 22% degli adulti in età lavorativa non ha un diploma superiore, contro il 39% in Italia. In Germania la percentuale è bassissima: 14%, nel Regno Unito il 19%. Per titolo di studio, l’Italia fa peggio di Grecia, Cile e tutti i paesi dell’Est che dell’Ocse fanno parte.

Il numero delle persone solo con un diploma sono in linea con la media Ue e la media Ocse: sono il 41% degli adulti in età lavorativa. La vera differenza risiede nel limitato numero di laureati in proporzione alla popolazione.

Titolo di studio, pochi i laureati in Italia

Nel complesso in Italia i laureati sono solo il 18%, di cui il 14% con una laurea da vecchio ordinamento o specialistica. La media Ocse è del 36%, quella Ue del 32%: praticamente il doppio, anche non calcolando la formazione terziaria non universitaria, e includendo le cosiddette lauree brevi.

In Germania con la percentuale di laureati si raggiunge il 28%, che è sotto la media ma solo a causa dell’alto numero di iscritti alle scuole tecniche post-diploma. In Francia si è al 33%. Non regge il confronto con i Paesi anglosassoni: in Usa, Australia, Regno Unito si arriva al 45%, in Canada si vola al 57% di laureati in età lavorativa. Ma persino in Turchia i laureati sono più che da noi: il 19%.

Le donne studiano di più

Ma come è il trend? Lo vediamo in particolare per le nuove generazioni, quelle tra i 25 e i 34 anni. Nel grafico di seguito si osservano i cambiamenti intervenuti negli ultimi 10 anni in Italia.

I giovani con un’istruzione che si ferma prima del diploma sono diminuiti del 7%, dal 32% al 25%, un calo anche superiore a quello della media Ocse, del 5%, ma solo perché ci ritroviamo ancora su valori molto alti: ben il 25% dei 25-34 enni non riesce a finire le superiori. Solo in Spagna è peggio, con il 34%, tra l’altro un dato migliorato solo di un punto in 10 anni.

Nella battaglia tra i sessi non c’è gara. Sono gli uomini quelli in condizioni peggiori. Il 29% dei maschi non ha raggiunto il diploma; ci si ferma al 22% tra le donne.


Oggi in Italia i diplomati sono il 48% e sono più della media, anche se in leggero calo sul 2007. Il segno meno sulla maturità è più pronunciato tra le donne (-4%) ma è una buona notizia: in dieci anni sono molto cresciute le donne laureate. Sono passate dal 23% al 33%, un +10% che è esattamente il doppio del progresso tra i maschi, in cui si passa dal 15% al 20%.

Il gap tra uomini e donne si è quindi allargato: oggi in proporzione le donne laureate sono il 13% in più rispetto agli uomini dottori. Ed è un divario presente in media anche tra gli altri Paesi.

Per numero di laureati lontanissimi dalla media

Se si guarda ai laureati nel complesso, la distanza tra Italia e resto dei Paesi avanzati però non è diminuita. Anzi. Mediamente nell’Ocse la proporzione di giovani laureati è cresciuta del 10%, dal 34% al 44%, solo del 8% in Italia, dal 19% al 27%.
Con l’eccezione della Germania, i giovani dei Paesi più ricchi laureati sono ben oltre il 40% e poi si vola fino al 61% canadese. Ma lì sono apparentemente irraggiungibili.

I dati si riferiscono al 2017

Fonte: Ocse

Leggi anche: Nel 2030 un laureato su due sarà cinese o indiano

Cresce il livello di istruzione degli italiani

Il Sud Europa troppo generoso con i pensionati

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca