In Sessi
Share with your friends










Inviare

I dati del Dipartimento per il welfare. Boom della vendita di profilattici

Il grafico mostra l’aumento e la diminuzione nell’utilizzo dei metodi contraccettivi moderni o tradizionali nelle province pakistane.

La sterilizzazione femminile

La contraccezione è un problema serio in Pakistan. Per il governo locale è talmente importante da aver istituito un ufficio all’interno del Ministero del Welfare da cui sono tratti questi dati, compresi quelli riguardanti la sterilizzazione femminile e maschile.

Il Dipartimento della Repubblica islamica si occupa aggiornare le ricerche statistiche sulla diffusione dei metodi di contraccezione condotte dalle strutture sanitarie e dalle operatrici sanitarie. L’obiettivo è, in particolare, quello di capire come intervenire sul controllo delle nascite.

Ebbene, i dati del Dipartimento per il benessere dei cittadini hanno evidenziato, nel biennio 2015-2016, la vendita di quasi 67 milioni e 900 mila profilattici. Per quel che riguarda le pillole anticoncezionali ne sono state vendute 2.606 milioni di quelle combinate, mentre quelle di soli progestinici sono state 296mila.

Nel biennio considerato i casi in cui le donne pakistane hanno fatto ricorso alla contraccezione d’emergenza sono stati 72mila.

Tra gli altri metodi contraccettivi per non rimanere incinta è abbastanza diffuso anche quello delle iniezioni di ormoni. In questo caso risultano essere stati usati 1.196 milioni di flaconcini di contraccettivi che hanno effetto per 3 mesi e 3 mila flaconcini di anticoncezionali da 2 mesi di copertura.

Ma 87mila si sono fatte sterilizzare

Le donne che hanno fatto ricorso ai sistemi di contraccezione intrauterina sono state 620mila. Ma c’è chi non si è accontentato neanche di questa soluzione. La sterilizzazione femminile è stata la soluzione scelta da 87.600 donne. Sono stati sterilizzati anche 2.325 uomini.

Infine coloro che hanno scelto degli impianti sono stati quasi 21.500 solo nel periodo 2015-2016. Le ricerche del Ministero hanno mostrato un aumento importante solo di quest’ultima pratica. Rispetto al 2014-2015 c’è stato un incremento del 22% tra i pakistani che hanno fatto ricorso a questa operazione.

Al contrario, i dati del Dipartimento del welfare, hanno evidenziato un decremento nell’utilizzo resto dei metodi contraccettivi per non rimanere incinta. L’uso del profilattico è calato del 7,1%. Sono diminuite di circa il 5% anche le donne pakistane che prendono la pillola anticoncezionale.

Le vendite di anticoncezionali iniettabili, poi, sono calate dell’11,6%, quelle delle spirali sono state addirittura il 12,3% in meno. Per quanto riguarda gli interventi chirurgici, infine, c’è stato un decremento dell’8,8%.

Le Ong raccontano un’altra realtà

Il grafico sotto mostra invece quali sono state le vendite censite dalle Ong che si trovano nel territorio pakistano.

Secondo le Ong sono stati venduti 127 milioni e 79mila profilattici. La contraccezione orale ha invece registrato 3 milioni e 161mila confezioni di pillole vendute. I casi in cui si è fatto ricorso alla contraccezione d’emergenza invece sono stati 1,94 milioni. Le fiale di iniezioni vendute si aggirerebbero intorno a 1,224 milioni, di cui 803mila con effetti trimestrali, 307mila le bimestrali e 114mila le mensili. Le donne che si sono fatte inserire degli strumenti di contraccezione intrauterina sono state quasi 894mila.

I sistemi più invasivi sono stati adottati da 44mila 616 persone.  Sono più bassi dei dati ufficiali invece quelli che riguardano la sterilizzazione femminile. I maschi che sono ricorsi ad operazioni di sterilizzazione sono stati 1.115, le donne invece hanno superato le 43mila 500 unità. Gli impianti invece sono statti oltre 13mila e 400.

I profilattici in aumento del 18,4%

Le Ong hanno registrato degli incrementi a doppia cifra nel numero di profilattici comprati. Sono stati il 18,4% in più tra il 2015 e il 2016 rispetto al biennio precedente. In aumento anche le spirali vendute (15,25%), le pillole (0,7%) e gli impianti (6,6%).  In calo invece risulterebbero i contraccettivi da iniettare (-7,4%) e gli interventi di chirurgia (11,7%).

I dati si riferiscono al: 2014-2016

Fonte: Ufficio statistiche del Governo del Pakistan

Leggi anche:

Pronti alla pillola del giorno dopo senza ricetta?

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca