In Crisi&Ripresa
Share with your friends










Inviare

Siamo tra gli ultimi nell’Ocse. La Gran Bretagna è all’85,2%. E la spesa sanitaria ne risente

Quando in farmacia ci troviamo a dover rispondere alla domanda: “Vuole il generico?”, dobbiamo avere ben chiaro che la decisione di quel momento incide sull’economia del nostro Paese.

La spesa farmaceutica nell’Ocse

Proprio così: i farmaci generici ci fanno risparmiare. Ma andiamo per ordine. Guardiamo il grafico in alto che ci mostra, sulla base dei dati Ocse del 2016, la spesa farmaceutica Paese per Paese, in rapporto al Pil. La Grecia è la nazione dove si spende più denaro per i farmaci in percentuale del Pil: la spesa farmaceutica corrisponde infatti a circa il 2,2% del prodotto interno lordo. In Italia la spesa farmaceutica rappresenta l’1,6% del Pil ed è in calo rispetto a dieci anni prima di circa un punto percentuale. Il peso della spesa farmaceutica sul totale della spesa sanitaria era stato raccontato da Truenumbers in questo articolo. La spesa farmaceutica media nei Paesi Ocse, tra il 2006 e il 2016, non ha registrato grandi variazioni: tra 1,4 e 1,5% del Pil nel 2006 e 1,5% nel 2016. Nel Regno Unito la spesa rispetto al Pil è molto bassa, l’1,1% circa, e l’importanza di questo dato la vedremo tra poco. In coda ai Paesi di cui abbiamo visualizzato i dati si pone il Lussemburgo, con una spesa farmaceutica che nel 2016 è stata lo 0,5% del Pil.

Chi vende più generici

Il secondo grafico che mostriamo qui sotto spiega invece l’incidenza dei farmaci generici sul totale del mercato farmaceutico.

Svetta al primo posto il Regno Unito, con l’85,2% di farmaci generici venduti sul totale del mercato dei farmaci. L’Italia ha il 22,1% di farmaci generici venduti ed è penultima nell’area Ocse. A chiudere c’è sempre il Lussemburgo con una percentuale del l’11,4% di farmaci generici sul venduto totale.

Che cosa significano questi dati?

Il raffronto tra le cifre contenute nei due grafici ci dice che, poiché alla percentuale di spesa farmaceutica rapportata al Pil più bassa corrisponde un dato più alto di farmaci generici venduti, significa che conviene acquistare i farmaci generici. E’ il caso del Regno Unito, ad esempio, e non è il caso dell’Italia. A Londra e dintorni la percentuale di farmaci generici venduti è molto elevata e la spesa farmaceutica rappresenta solo poco più dell’1% del Pil. In Italia, invece, i farmaci generici sono una quota di mercato di poco più del 20% e la nostra spesa farmaceutica rispetto al Pil è più elevata: 1,6%.

I dati si riferiscono al: 2016

Fonte: Ocse

Leggi anche: Una farmacia ogni 3.194 abitanti: troppo poche

Ci sono più di 7.000 nuovi farmaci in arrivo

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca