fbpx
 In Fisco e tasse, Hot Topic

Siamo al quinto posto per incidenza fiscale tra i Paesi Ocse

Avvicinandoci alla fine dell’anno, vale la pena ricapitolare il peso delle tasse per gli italiani. Il carico fiscale in Italia non smette di aumentare, almeno dal 2000 ad oggi. È quanto emerge dal rapporto Revenue Statistics dell’Ocse. Ovviamente, quindi, non fa eccezione il 2019 che, nella classifica dei 35 Paesi di cui si son potuti raccogliere i dati, vede l’Italia al quinto posto per l’incidenza della tassazione.

Come si calcola la pressione fiscale?

Il primo modo di calcolare la pressione fiscale è ottenere il rapporto tra l’ammontare del prelievo dello Stato e dagli altri enti pubblici sotto forma di imposte, tasse e tributi (il gettito fiscale) e il prodotto interno lordo. L’Ocse parla di incidenza fiscale in rapporto al Pil, ma è proprio l’indicatore di cui stiamo parlando. Ma qual è la pressione fiscale in Italia? L’insieme delle tasse nel nostro Paese è stato pari al 42,4% del Pil, in aumento dal 41,9% dell’anno precedente e contro una media Ocse del 33,8%.

Leggi anche: Quanti contratti di lavoro sono stati registrati nel 2020?

Chi paga le tasse in Italia?

Sono appena usciti i dati dell’Istat sul carico fiscale delle famiglie italiane. Nel 2018 (ultimo anno disponibile) l’aliquota media del prelievo fiscale a livello familiare rimane stabile al 19,5%, in linea con i quattro anni precedenti. La presenza di minori (soprattutto coppie con figli) in nuclei sostenuti da un unico percettore determina vantaggi fiscali che crescono all’aumentare dei figli a carico, in funzione delle detrazioni.

Le aliquote medie più basse si registrano quindi tra le coppie con uno o più figli minori (13,7%), che tornano al livello del 2016 (13,8%) dopo l’impennata del 2017 (15,8%) e tra le famiglie monogenitore (16,7%). Sempre in relazione ai nuclei di un solo percettore, le coppie con tutti figli adulti, tra le più avvantaggiate dell’anno 2017 (16,1%), mostrano un carico fiscale in forte crescita, un punto sopra il dato nazionale (20,3%). Viceversa le coppie senza figli con persona di riferimento oltre i 65 anni continuano a essere le più penalizzate (aliquota media al 21,2%), per via di una maggiore capacità di generare reddito (28.860 euro lordi in media).

L’andamento della pressione fiscale negli ultimi anni

In generale, tornando alle analisi dell’Ocse, possiamo dire che sui 35 Paesi il rapporto tra tasse e Pil è aumentato in venti di questi nell’ultimo anno. La Danimarca è il Paese che ha registrato l’incremento maggiore per effetto del recente aumento dell’imposta sui redditi, mentre paragonato ai dai del 2000 si ha una leggera decrescita di 0,6 punti percentuali. La flessione maggiore è avvenuta in Ungheria nel 2000 l’incidenza era pari al 38,6%, mentre nel 2019 si attesta al 35,8%.

In Europa più tasse che nel resto del mondo

Siamo quinti in Europa, ma in quali altri Paesi lo Stato ha le mani più lunghe che da noi? Il primo posto di questa non benaccetta classifica lo prende la Danimarca con le entrate dalla tassazione pari al 46,3% del Pil. Segue la Francia con il 45,4%, leggermente in controtendenza rispetto all’anno precedente quando era prima con il 45,9%, ma decisamente più esosa paragonata al 43,4% del 2000. Sempre davanti all’Italia troviamo anche la Svezia e il Belgio che entrambi alleggeriscono il carico di un punto percentuale stanziandosi ad un’incidenza del 42,9%.

Insomma, una classifica tutta europea che però annovera come Stato più light l’Irlanda. Nell’isola, infatti, l’incidenza è al 22,7% del Pil, esattamente come l’anno precedente.

Che tasse si pagano in Italia?

L’Italia, che nel 2019 condivide il posto con l’Austria, aumenta rispetto al 2000 l’incidenza di quasi 2 punti percentuali. Andando al dettaglio delle tasse in Italia, sempre in base ai dati Ocse, gli introiti complessivi derivano per il 25,6% dalle tasse sui redditi personali e per il 4,5% dalle imposte sui profitti delle società. L’altra grande fetta è dovuta per il 31% dai contributi previdenziali, mentre seguono il 6,1% da tasse su immobili, il 14,8% dall’Iva e il 13,9% da altre tasse sui consumi e infine c’è un 4,1% di altre tasse.

Guardando la scheda dedicata al nostro Paese, poi, si scopre che nel 2018, il 56,8% dell’imposizione complessiva era da parte del Governo centrale, in aumento dal 53,2% del 1975. Gli enti locali, invece, sono balzati dallo 0,9% all’11,7%. Ora, resta solo da vedere come la crisi dovuta alla pandemia influenzerà gli introiti statali.

I dati si riferiscono al 2000-2020

Fonte: Ocse

Leggi anche: 

Pink Tax: le tasse che pagano solo le donne

Tasse, ecco quanto manca nelle casse dei Comuni

I ricchi italiani pagano il 15% delle tasse


Ti piace citare i numeri precisi quando parli con gli amici? – La redazione di Truenumbers.it ha aperto un canale Telegram: qui potrai ricevere la tua dose quotidiana di dati, restare aggiornato sui principali dati (rigorosamente ufficiali) e fare domande. Basta un attimo per iscriversi.

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

More in Fisco e tasse, Hot Topic
Energie rinnovabili, l’Ue ha speso 351,8 miliardi di euro

Ma come sono stati suddivisi i fondi? Ecco i settori più finanziati

Close