In Notizie curiose

Ecco gli ascolti di ogni episodio delle 11 stagioni precedenti. E ora arriva la dodicesima

Parte stasera su Rai1 la dodicesima stagione di una delle serie Tv più amate dagli italiani. Anche quest’anno saranno solo due i nuovi episodi, ma Il Commissario Montalbano, visti i precedenti, sbancherà l’auditel, come ha (quasi) sempre fatto non solo all’esordio, ma anche quando una serie veniva riproposta. E questo nonostante che tutti gli episodi delle serie siano visibili in streaming sul sito della Rai.

Lo share di Montalbano

Potenza della scrittura dell’inventore del commissario siciliano, Andrea Camilleri, che anche per il 2016 ha voluto dare una lezione di come si scrive una trama di una splendida fiction. I titoli della nuova serie sono La giostra degli scambi, in onda questa sera, e Amore.

L’episodio intitolato Come voleva la prassi è stato l’episodio più visto in assoluto nella storia del Commissario di Vigata con addirittura il 44,1% di share. Nel grafico sopra è indicato il numero di episodi e lo share di ognuno di essi, raggruppati in 11 istogrammi che rappresentano le undici stagioni precedenti il cui esordio risale al 1999 con Il ladro di merendine che ebbe appena il 17,50% di share salito al 27,31% già al secondo episodio della serie, La voce del violino.

Da allora è stato un crescendo rossiniano dello share di Montalbano decretando il successo di Luca Zingaretti, l’attore che dà corpo e voce al Commissario, e di tutto il cast tra i quali gli attori Cesare Bocci (Mimì Augello), Peppino Mazzotta (Fazio) e Angelo Russo (Catarella).

La media dello share di Montalbano

Se si considera la media degli ascolti per ogni stagione, in testa c’è l’undicesima stagione (Un covo di vipere, Come voleva la prassi) che ha totalizzato una media di 42,09% di share. Di poco inferiore è la media della decima stagione con il 40% di share (Una faccenda delicata, La piramide di fango). La nona stagione è l’ultima al di sotto del 40%, le puntate Il sorriso di Angelica, Il gioco degli specchi, Una voce di notte, Una lama di luce ottengono una media di 35,98%. Segue la quarta stagione (Il senso del tatto, Gli arancini di Montalbano, L’odore della notte e Gatto e cardellino) con 32,7%, e la quinta (Il giro di boa e Par condicio) con 32,5%. L’ottava (Il campo del vasaio, La danza del gabbiano, La caccia al tesoro, L’età del dubbio) ha raggiunto il 31,9% mentre sesta (La pazienza del ragno e Il gioco delle tre carte) e settima (La vampa d’agosto, Le ali della sfinge, La pista di sabbia, La luna di carta) sono a parimerito con 31,1% di share. Meno bene hanno fanno le prime tre stagioni: 26,7% la terza (Gita a Tindari e Tocco d’artista), 24,06% la seconda (La forma dell’acqua e Il cane di terracotta) e 22,4% la prima.


Bisogna però considerare che le prime tre stagioni sono state trasmesse da Rai2 mentre dalla quarta in poi la serie è stata spostata su Rai1 che ha garantito un pubblico potenziale più ampio.

I dati si riferiscono al: 1999-2017

Fonte: Auditel

Leggi anche: Perché la “vecchia” tv non morirà mai

La Rai produce mille precari in un anno

Share with your friends










Inviare

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca