fbpx
 In Crisi&Ripresa

Quasi due terzi non hanno un’occupazione. E in oltre 10 milioni non vogliono lavorare

I residenti in Italia sono 60 milioni e 484mila. Ma solo una piccola parte di questi lavora, esattamente il 38,4%. La maggioranza non lo fa. Ecco i numeri.

Quanti sono gli italiani al lavoro

Il grafico qui sopra mostra il totale della popolazione residente a confronto con quanti hanno un lavoro. Su 60 milioni e 484mila, nel 2018 gli italiani al lavoro erano 23 milioni e 215mila. In termini percentuali, appunto, il 38,4%. Di questi, 17 milioni e 896mila avevano un impiego da dipendente, mentre 5 milioni e 319mila erano indipendenti.

Il grafico sopra divide gli italiani occupati dipendenti in base al tipo di contratto che hanno. Si scopre che l’anno scorso appena un italiano su cinque aveva il classico contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato: si tratta, cioè, solo di 12 milioni e 211mila persone nel 2018, il 20,2% della popolazione complessiva. Tutti gli altri occupati hanno contratti diversi. Due milioni e 116mila avevano un contratto a tempo pieno, ma a termine. Tre milioni e 569mila lavoravano a tempo parziale, di cui 2 milioni e 640mila a tempo indeterminato e altri 930mila a tempo determinato.

Perché non lavorano

Ora vediamo i motivi per i quali 37 milioni e 269mila italiani, pari al 61,6% del totale dei residenti, non lavorano.

La maggior parte non lo fa o perché è troppo giovane, cioè ha meno di 15 anni (8 milioni e 65mila persone), oppure perché è in pensione con più di 64 anni (12 milioni e 796mila italiani al 2018): questi risultano inattivi (cioè non cercano un posto di lavoro) per motivi d’età. Poi ci sono coloro che sono inattivi, ma avrebbero l’età per lavorare: sono 13 milioni e 261mila, pari al 23,2% della popolazione residente. Di questi, la grande maggioranza (10 milioni e 100mila persone) dichiara di non cercare un lavoro e di non essere disponibile a lavorare: si tratta di coloro che, pur essendo in età lavorativa, se gli venisse offerto un impiego lo rifiuterebbero.

Infine ci sono i disoccupati veri e propri, cioè le persone che non hanno un lavoro ma lo cercano. Sono una assoluta minoranza: l’anno scorso ammontavano a 2 milioni e 755mila persone, pari al 4,5% dei residenti.

Scoraggiati o impediti da motivi familiari

I dati Istat ci dicono di più anche in merito ai motivi dell’inattività di una fetta così consistente di popolazione. Tra i 13 milioni di italiani che nel 2018 non cercavano un lavoro nonostante avessero l’età per farlo, quasi un milione e mezzo (1 milione e 451mila) dichiarava di essersi rassegnato perché scoraggiato. Più consistente la quota di chi non cercava un impiego per motivi familiari (2 milioni e 697mila), mentre erano 4 milioni e 340mila gli italiani che risultavano inattivi perché ancora impegnati nello studio o in percorsi di formazione professionale.

I dati si riferiscono al: 2018

Fonte: Istat

Leggi ancheGli italiani che lavorano più di 60 ore sono solo il 3,9%

Sono 340mila gli italiani che hanno il doppio lavoro

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search