fbpx
 In Notizie curiose

Depressione cronica in Europa

La classifica dei Paesi europei più depressi. Le donne portoghesi sono da ricovero

Nel 2014 il 7,1% della popolazione europea era depressa, con i portoghesi in uno stato davvero preoccupante. Con il 11,9%, infatti, il Portogallo ha registrato il maggior tasso di depressione cronica, più di altri Paesi da sempre considerati tra i più tristi al mondo, come i paesi nordici anche se Finlandia e Svezia sono al secondo e terzo posto in classifica.

I portoghesi sono tristi

La quota di persone che riferiscono di aver sofferto di depressione è molto alta (vedi grafico sopra) anche in Germania, Lussemburgo e Lettonia. Quali sono, invece, i Paesi che non sembrano conoscere la depressione mentale? La Bulgaria e la Romania, per esempio, con un tasso inferiore al 3,5%.

La depressione in Italia

I dati italiani: pare che il 4% degli uomini sia depresso, molto meno del tasso femminile che si attesta al 7%. Non deve stupire: d’altra parte in tutti gli Stati europei sono le donne ad avere più disturbi depressivi rispetto agli uomini. Il gender gap (se così vogliamo chiamarlo) raggiunge il picco in Portogallo (donne 17,2%, uomini 5,9%), ma il divario tra uomini e donne è molto alto anche in Spagna (5 punti di differenza), Lettonia, Svezia e Turchia.

A che età si soffre di depressione?

In 16 su 28 Stati membri, la depressione cronica raggiunge il picco dai 75 anni in su, mentre negli altri sei Paesi la malattia colpisce più frequentemente le persone tra i 55 e i 64 anni. In Portogallo anche tra gli over 65enni ci sono stati molti casi, per la precisione un portoghese tra i 65 -74 anni su cinque ha riferito di aver avuto una qualche forma di depressione cronica.

Al contrario, in Svezia sono stati più depressi i ragazzi dai 25 ai 34  anni (13,1%), in Danimarca sono le persone tra 35-44 anni (9,8%). In Lussemburgo la fascia più colpita è quella dei 45-54enni (12,4%), così come nei Paesi Bassi (10%) e in Estonia (7,3%).

Cosa sono i disturbi depressivi

Il questa ricerca si considerano disturbi depressivi sia gli episodi singoli che quelli ricorrenti. Negli episodi tipici depressivi il paziente soffre di abbassamento del tono dell’umore, riduzione di energia e diminuzione dell’attività; il paziente ha interesse e concentrazione notevolmente ridotti e non è capace di provare gioia.

Chi soffre di depressione si stanca facilmente, anche dopo un minimo sforzo, dorme male e ha poco appetito. Inoltre nel depresso l’autostima e la fiducia in se stesso sono ridotte e, anche se in forma lieve, sono presenti sensi di colpa o di inadeguatezza.

I dati si riferiscono al: 2014
Fonte: Eurostat

Leggi anche:

Gli italiani depressi sono un milione
Ci sono più di 7.000 nuovi farmaci in arrivo

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search