fbpx
 In La Nera

cosa-pensano-gli-arabi
L’Europa spende fino a 9,2 miliardi in 5 anni per farsi conoscere di più. Ecco i risultati

I grafici illustrano l’opinione degli abitanti dei Paesi arabi più vicini all’Europa rispetto a quattro affermazioni: “Ricevo abbastanza informazioni sull’Europa”, “Con gli europei abbiamo abbastanza valori in comune da cooperare”, “Ho un’immagine positiva dell’Europa” e “L’Ue è un partner importante per il mio Paese”. In blu la percentuale del campione che è molto, poco o abbastanza d’accordo e in rosso quella che non è d’accordo.

Non siamo simpatici agli egiziani

Come si vede, otto abitanti del Marocco su 10 hanno un’immagine positiva dell’Europa. Le percentuali si invertono per gli egiziani:  solo il 19% pensa bene di noi. Quello che si nota è che i popoli che si considerano più informati sull’Europa tendono ad averne un’opinione migliore. Libano e Libia sono distanti dal punto di vista geografico, economico e storico, ma ai sondaggi la popolazione ha risposto più o meno allo stesso modo: al 50% l’Europa piace, all’altro 50% no. Malgrado una difficile storia coloniale, il 55% degli algerini ha una buona opinione di noi, mentre in Tunisia la percentuale scende al 45% e solo un abitante su tre pensa di avere in comune con noi abbastanza valori da poter collaborare. Però i tunisini ritengono ugualmente che l’Europa sia un partner importante per il loro Paese.

Il marketing della Ue

Per la regione dei “vicini del Sud” (Southern Neighborhood), cioè Nordafrica e Vicino Oriente, la Ue ha stanziato tra i 7,5 e i 9,2 miliardi di euro, da spendere tra il 2014 e il 2019 per il dialogo interculturale, gli scambi di studenti e la formazione degli operatori dei mezzi di comunicazione di massa. In più, l’Europa e gli Usa hanno finora speso 8 miliardi per sostenere la popolazione della Siria e per i profughi nei Paesi confinanti cioè Libano, Giordania e Iraq. Nonostante tutto, i cittadini di questi Paesi sono solo vagamente consapevoli di quanto l’Europa sta facendo per loro.

Questi soldi servono, spiega l’Unione europea, per contrastare la propaganda locale che ci dipinge tutti come “crociati”, perché cristiani, “ricchi“, visto che lo siamo più dei Paesi del Maghreb ma meno degli Stati Arabi del Golfo, e “privi di valori“.

Il terrorismo come “dovere”

Ovviamente non c’è una relazione diretta tra arabi e jihad, ma la propaganda fondamentalista dell’Isis si regge su due pilastri: uno è diffondere l’idea che la “guerra santa”, cioè il terrorismo, è un dovere religioso di ciascun musulmano, convinzione che in realtà la maggioranza dei seguaci del Corano non condivide. L’altra priorità è quella di instillare negli europei paura e antipatia verso i musulmani: ogni post razzista diffuso sui social network da un occidentale diventa strumento per convincere i musulmani che, sì, siamo proprio cattivi. Almeno, è quanto sostengono gli studi commissionati dall’Unione Europea.

I dati si riferiscono al 2012-2014
Fonte: Eurobarometer

Leggi anche:
Donne occidentali nell’Isis: quante sono
Quanto spende l’Europa per combattere il terrorismo
Isis, a chi vende armi l’Europa

Share with your friends










Inviare
Recommended Posts

Start typing and press Enter to search