In Notizie curiose

Ai calciatori della squadra di Sarri vanno in media 3,1 milioni, a quelli di Allegri 6

Al primo posto domina incontrastata la Juventus, poi le milanesi con il Milan prima dell’Inter. Non è una previsione del podio della Serie A per fine stagione, ma la classifica degli stipendi della serie a.

Stipendi Serie A, tra le big Napoli low-cost

La massima lega calcistica italiana è composta da 20 team, con 533 calciatori sotto contratto. Come mostra il grafico sopra, la Juventus è la squadra che paga di più i suoi calciatori, con un salario medio di oltre 6 milioni di dollari a stagione; dietro c’è il Milan che, nonostante la stagione 2017-2018 si stia dimostrando deludente, paga i propri giocatori in media 4 milioni.

L’Inter la scorsa estate ha dato vita a un nuovo corso, guidato dall’allenatore Luciano Spalletti. Il parco giocatori, con Mauro Icardi in testa, resta tra i più pregiati dell’intero campionato, con una media di poco inferiore ai 3,5 milioni. Occupa al momento la terza piazza nella classifica dei club più generosi con i propri calciatori e precede la Roma che da qualche stagione cerca di risparmiare sugli ingaggi: costo medio degli stipendi dei giallorossi si attesta quest’anno a 3,3 milioni di dollari.

Il Napoli che è tra le assolute favorite per lo scudetto può vantare per la gioia del patron Aurelio De Laurentiis un monte ingaggi piuttosto basso rispetto alle prestazioni in campo degli uomini di Maurizio Sarri: 3,1 milioni di euro, cioè quasi la metà di quanto paga la Juventus.

Stipendi Serie A, Crotone ultimo

Da lì in poi c’è un crollo e tutte le altre squadre viaggiano al di sotto dei due milioni di euro di ingaggi. I laziali si accontentano di 1,9 milioni in media e via via si piazzano tutti gli altri. Chi paga meno non è il Benevento: naviga in cattivissime acque senza schiodarsi dall’ultimo posto in classifica, ma spende 556mila dollari in salari. Il club meno generoso è il Crotone, con 380mila dollari medi di stipendi per giocatore.

L’elenco delle società che spendono di più per i loro calciatori conferma, al di là del travagliato caso-Milan, come ci sia una correlazione tra gli investimenti economici e le chance di qualificarsi per la Champions League. Di fatto, le prime cinque squadre che spendono di più sono le stesse che si giocano un posto per partecipare al torneo di calcio più importante al mondo, con le altre società che giocano quasi un campionato diverso, staccate dal gruppetto di testa. Come dire: è vero che la palla è rotonda, ma per avere in squadra chi la fa girare meglio bisogna pagare.

Fonte: Football Intelligence

I dati si riferiscono alla stagione 2017-2018

Leggi anche: Calcio, il Brasile vale tre volte la Polonia

Il Marocco ha la Nazionale con più stranieri

Share with your friends










Inviare

Commenti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca