In Hot Topic, Notizie curiose

I ghiacciai italiani si stanno ritirando

Si è sciolto tanto ghiaccio da riempire 4 volte il Lago Maggiore

A partire dagli anni ’80 i ghiacciai alpini sono in graduale regresso, culminato nel 2007 con il 99% dei ghiacciai monitorati in ritiro, quota che è ridiscesa nel 2014 all’88%. I ghiacciai italiani rischiano di scomparire.

Dei circa 250 km cubici di ghiaccio presenti sulle Alpi agli inizi dell’800, ne restavano circa 150 negli anni ‘70 e soltanto 80 km cubi nel 2011. Il ghiaccio scomparso sull’arco alpino dagli anni ’80 a oggi corrisponde, in termini di volume d’acqua, a circa quattro volte la capacità del Lago Maggiore.

Ghiacciai italiani a rischio scomparsa: stiamo perdendo una riserva preziosa

Le Alpi, con i loro ghiacciai, rappresentano il serbatoio d’acqua dolce più importante d’Europa. Tuttavia, dalla fine degli anni ’80 i ghiacciai di tutte le catene montuose del mondo, Alpi incluse, sono in forte riduzione, salvo limitate e temporanee eccezioni. Il rischio scomparsa è altissimo.

Le cause della scomparsa dei ghiacciai

La scomparsa dei ghiacciai va ricondotta in un più ampio contesto storico di deglaciazione, iniziata intorno al 1850 con la fine della Piccola Età Glaciale (1820-1850).

La causa, più che in una riduzione delle nevicate ad alta quota, va ricercata nel drastico aumento delle temperature medie estive, sulle Alpi ormai prossimo a 2°C nell’ultimo secolo. Colpa anche dell’effetto serra.

Quella volta che i ghiacciai sono avanzati (era il 1980)

Nel 1850 i ghiacciai ricoprivano circa 4.500 km quadrati di superficie dell’arco alpino, ridottasi a 2.900 km quadrati attorno al 1970 e a circa 1.800 nel 2010, con una contrazione areale complessiva del 60% in poco più di un secolo e mezzo.

In un contesto di generale arretramento, tra il 1925 e il 2014 spicca una fase segnata da avanzate, che ha preso avvio negli anni ’60 ed ha registrato il suo massimo intorno al 1980.

Il picco negativo si è registrato invece nel 2007, con il 99% dei ghiacciai monitorati in ritiro, mentre nel 2014 l’arretramento ha interessato l’88% dei ghiacciai alpini.

Quattro volte il Lago Maggiore

Il ghiaccio perso in questi ultimi anni, dal 1980 ad oggi, sull’intero arco alpino  – 70 km cubi di volume –  corrisponde, in termini di acqua, a circa il quadruplo della capacità del Lago Maggiore.

I dati si riferiscono al: 2014
Fonte: Società Meteorologica Italiana, Comitato Glaciologico Italiano, Istat

Leggi anche:

Più poveri al mondo se il clima peggiora
L’Italia incentiva il petrolio con 14,7 miliardi ogni anno
Effetto serra, quanto inquinano le mucche?
L’Italia deve tagliare il 33% dei gas serra
Ancora pochi soldi per l’ambiente: 2,1 miliardi

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search