In Futuro&Tech

Tutti quelli (compresi bulgari e rumeni) che usano l’advertising online più di noi

Negli ultimi 15 anni, Internet ha rivoluzionato lo scenario dei mass media come televisione e radio, ma anche quello di riviste e giornali. Internet infatti una serie di nuovi servizi, in particolare di marketing e pubblicità, impensabili con la “vecchia” Tv.

Nel 2016, il 25% delle imprese europee che impiegano almeno 10 persone hanno fatto pubblicità su Internet. Tra gli Stati membri, la pubblicità su Internet è stata utilizzato da più di un terzo delle imprese a Malta (46%), Svezia (42%), Danimarca (40%), Irlanda, Lituania e Finlandia (tutti al 33%), mentre soltanto il 18% delle imprese Italiane e di quelle francesi usa il web per comunicare. Fanno più advertising online di noi anche la Bulgaria e l’Ungheria (entrambi al 19%). Per trovare aziende più refrattarie ai nuovi medi bisogna andare in Portogallo, dove la percentuale delle società con uno spot sul web scende al 15%, o in Romania (12%).

Quali le tecniche più usate? Il 78% delle imprese utilizza le informazioni che i navigatori lasciano visitando il sito, oppure le parole di ricerca che inseriscono in Google o la lista dei desideri su Amazon e affini per identificare il target e indirizzare a questo la loro pubblicità. La misurazione del comportamento dei consumatori online è molto usata a Cipro (48%), nei Paesi Bassi e in Finlandia (entrambe al 42%). Il targeting geografico, cioè mandare la pubblicità giusta a seconda di dove si trova il cliente, viene usato da più della metà delle imprese a Cipro (53%) e da circa il 40% di quelle in Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Lettonia e Finlandia.

I dati si riferiscono al: 2016

Fonte: Eurostat

Leggi anche:

Sono gli anziani a salvare gli ascolti della Rai

Su Internet si compra anche il conto corrente

Meno di un italiano su tre usa l’internet banking

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search