In Senza categoria, Terrorismo

emigrati

Diaspora nei Paesi del nord Africa e Medio Oriente. Molti dei quali non sono in guerra

I Paesi che vengono identificati con l’acronimo Mena (Middle East and North Africa) vanno da un minimo di 20 ad un massimo di 57. La regione Mena va dal Marocco allo Yemen e copre tutta la fascia del nord Africa, i Paesi del Golfo fino a Iran e Iraq. Questa regione è la più interessata in assoluto ai fenomeni migratori che assumono il profilo di vere e proprie diaspore.

La diaspora palestinese

Considerando solo la regione Mena il Paese dal quale le persone vanno via in misura più consistente è (come si vede dal grafico sopra) la Palestina che supera di gran lunga le emigrazioni di tutti gli altri Paesi della Regione. Con i suoi oltre 3,6 milioni di persone che nel 2013 hanno lasciato il Paese, la Palestina è quella che contribuisce maggiormente al saldo migratorio della regione: nel 2013, ultimi dati disponibili e confrontabili per questi Paesi, ben 18 milioni di persone abitavano fuori dallo Stato nel quale erano nate: in proporzione si tratta del 4,4% della popolazione della Regione rispetto ad una media mondiale del 3%.

Le rimesse dei migranti

In termini assoluti, quindi, il maggior numero di migranti non viene dai Paesi in guerra, ma dalla Palestina, Paese che non è in guerra. Nella classifica dei migranti stilata dalle Nazioni Unite, anzi, nel 2013 la maggior parte di persone si sono trasferite nel resto del mondo provenendo da Paesi nei quali non c’è alcun conflitto: Marocco, Algeria, Yemen, Tunisia, Giordania, Kuwait e via dicendo.

Uno degli effetti dell’aumento delle migrazioni è la crescita delle rimesse, cioè dei soldi che gli emigrati inviano ai parenti rimasti nei Paesi d’origine. Nel 2014 i 18 milioni di emigrati dei Paesi Mena hanno inviato circa 53 miliardi di dollari verso i Paesi di origine e alcuni di questi, come Libano e Giordania, ricevono dai propri emigrati soldi pari a oltre il 10% del Pil, molto di più di quanto spendano in educazione, sanità e difesa. Il solo Marocco riceve dai propri migranti un importo annuo pari all’8% del Pil.

I dati si riferiscono al: 2013

Fonte: Nazioni Unite

Leggi anche: Immigrazione: sempre più bambini stranieri

Budapest, i dati del caos immigrazione

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search