In Soldi

Ecco a quanto ammonta negli Stati del mondo. L’Italia è uno dei pochi senza una legge

Nell’Europa a 28 ci sono solo 6 Paesi che non hanno un salario orario minimo per legge: Austria, Cipro, Danimarca, Finlandia, Svezia e Italia.

La paga minima c’è, ma è diversa per tutti

Dall’inizio degli Anni 2000 tutti gli altri Stati hanno deciso di imporre un compenso minimo, ma ognuno l’ha fatto in tempi, modi e per importi diversi. La Germania, ad esempio, è stato l’ultimo grande Paese europeo a decidersi, nel 2015, e ha imposto un salario minimo orario di 8,50 euro, (in seguito aumentato) poco meno dell’Irlanda: 8,65.

Ma le differenze sono abissali: si va dagli 11,12 euro del Lussemburgo ai 2,34 dell’Estonia, dai 9,10 del Beglio all’1,82 della Lituania. Anche la Grecia ha un proprio salario minimo, che non è cambiato di molto negli ultimi 10 anni: era 3,31 nel 2005 ed è oggi a 3,35.

IL PARADOSSO DEL  LAVORO – GUARDA LA PUNTATA DI #TRUENUMBERS SULL’OCCUPAZIONE

Nella tabella sono anche indicati i salari minimi adottati da altri Paesi del mondo, ognuno indicato nella valuta nazionale. Gli Stati Uniti hanno imposto un salario minimo a 7,25 nel 2010 e da allora non è più cambiato: si tratta di circa 6,4 euro l’ora.

 

I dati si riferiscono al: 2005-2015

Fonte: Unione Europea-Wsj

 

Share with your friends










Inviare

Commenti

Start typing and press Enter to search